Domenica 22 Luglio 2018 | 14:49

Sanità

Parkinson, al San Carlo
una nuova terapia

L’ambulatorio dell'ospedale di Potenza è attivo dal 2008 e ha in carico circa 600 pazienti ogni anno,

Esplosione dopo fuga di gas anziano ustionato a Pisticci

La malattia di Parkinson è una patologia degenerativa del sistema nervoso centrale che colpisce in Italia circa 250 mila persone, e nelle sue fasi più gravi riduce le capacità di movimento e l’autonomia dei pazienti peggiorandone la qualità di vita: per questi pazienti la Neurologia dell’ospedale San Carlo di Potenza «ha adottato gli approcci terapeutici più avanzati» che «stanno dimostrando risultati eccellenti già dal primo giorno di trattamento».

I risultati di queste attività sono state presentate stamani, a Potenza, nel corso di una conferenza stampa, dai direttori generale e sanitario, Rocco Maglietta e Antonio Picerno, dal direttore del Dipartimento neurochirurgico, Giovanni Vitale, e dal direttore della Neurologia, Enrico Ferrante. L’ambulatorio per il Parkinson del San Carlo è attivo dal 2008 e ha in carico circa 600 pazienti ogni anno, con centro «prime visite», anche da fuori regione. A dicembre è stato iniziato il nuovo tipo di trattamento per i pazienti in fase avanzata «quando la terapia specifica con Levodopa - ha spiegato Ferrante - inizia a dare problemi per la concentrazione del farmaco nel sangue».

Le nuove terapie vengono somministrate con infusione continua di gel di levodopa direttamente nell’intestino grazie a una pompa portatile: l’impianto avviene con una procedura interventistica, (gastrostomia endoscopica percutanea), curata dal primario di Endoscopia Digestiva, Angelo Sigillito con la collaborazione degli anestesisti della divisione di Anestesia diretta da Libero Mileti. La sperimentazione «riguarda - ha aggiunto Ferrante - una soluzione ai blocchi motori o ai movimenti involontari» su un primo paziente di circa 80 anni, che ha portato a una riduzione significativa di blocchi e movimenti, cambiando radicalmente la vita dei pazienti e dei familiari». Finora sono stati trattati sei pazienti tra 55 a 84 anni «con buona risposta e ottimi risultati».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

Scandalo sanita in BasilicataPittella resta, giunta con poteri

Scandalo sanita in Basilicata
Pittella resta, giunta con poteri

 
Marchionne, le 3 viste a MelfiSindacati divisi sul giudizio

Marchionne, le 3 viste a Melfi
Sindacati divisi sul giudizio
Maldarizzi: conosceva a memoria i prezzi dei concorrenti

 
Scontro con la moto in Cilento: muore un 24enne di Maratea

Scontro con la moto in Cilento: muore un 24enne di Maratea

 
Potenza, blitz nella notte: spuntaun ripetitore. «Non è autorizzato»

Potenza, blitz nella notte: spunta un ripetitore. «Non è autorizzato»

 
Melfi, un 23enne incensuratoarrestato per spaccio di droga

Melfi, un 23enne incensurato
arrestato per spaccio di droga

 
Riesame Potenza: Pittella resta ai domiciliari

Riesame Potenza:
Pittella resta ai domiciliari

 
«Grave pericolo per la salute e acque potabili compromesse»

«Grave pericolo per la salute
e acque potabili compromesse»

 
Sequestrate due eliambulanzeil volo dei soccorsi era un pericolo

Sequestrate due eliambulanze
il volo dei soccorsi era un pericolo

 

GDM.TV

Bari, avvistato grosso topo a Pane e Pomodoro: tranquilli è una bufala

Bari, avvistato grosso topo a Pane e Pomodoro: tranquilli è una bufala

 
Locorotondo, così il suocero tentòdi uccide il genero: «Sei morto»

Locorotondo, così il suocero tentò di uccidere il genero: «Sei morto»

 
Faida garganica, omicidio in pieno giorno a San Ferdinando

Faida garganica, omicidio in pieno giorno a San Ferdinando

 
Bari, donna prigioniera del fuoco in casa. le grida di aiuto

Bari, incendio e paura a Japigia. Le grida, il salvataggio e le testimonianze

 
Bari ai baresi

Bari ai baresi? I sogni e le voci dei biancorossi

 
Maxi sequestro a Lecce

Lecce, maxi sequestro di anabolizzanti: 500mila pasticche in un garage VIDEO

 
Commento fallimento Baricalcio di Fabrizio Nitti

Nitti (Gazzetta): «Troppo tardi. Evidenti colpe di chi ha gestito»

1commento

 
La sciarpata, l'inno, l'emozioneSulle note si «insegue un sogno»

La sciarpata, l'inno, l'emozione. Sulle note si «insegue un sogno»

 

PHOTONEWS