Cerca

Venerdì 25 Maggio 2018 | 16:49

caro petrolio

Basilicata, nella terra del greggio
«si impenna» costo carburanti

estrazioni e paradossi

Basilicata, nella terra del greggio «si impenna» costo carburanti

PIERO MIOLLA

Più petrolio si estrae in Basilicata, maggiore continua ad essere il costo del carburante. In una fase nella quale il prezzo della benzina sale in tutta Italia, la nostra regione continua ad essere quella dei “giocondi”, come se non bastasse essere il serbatoio d’Italia. Il popolo lucano, infatti, viene vessato anche dai prezzi alla pompa, tra i più alti del Belpaese. Tranne che per il Gpl, infatti, per le altre tipologie di carburanti i prezzi medi lucani registrati ieri sono stati superiori alla media nazionale. Dal sito carburanti.italia.it si rileva che in Basilicata, ieri, il prezzo medio della benzina è stato di 1,595.750 euro (con punte di 1,930 per il servito e 1,679 per il self, secondo il sito https://carburanti.sviluppoeconomico.gov.it), superiore a quello della media nazionale di 1581,005. Il gasolio, sempre nella giornata di ieri e sempre secondo il sito specializzato carburanti.italia.it, è invece costato mediamente 1,465,385 (con punta massima di 1,809 per il servito e di 1,619 per il self), anche in questo caso superiore alla media nazionale che è stata di 1.452,99. Il metano è invece costato mediamente 984,500 rispetto alla media nazionale di 972,782. Infine, il Gpl: è costato mediamente 631,007 (con punte di 656), a fronte di una media nazionale questa volta più alta, precisamente di 643,034. Insomma, c’è poco da stare allegri: oltre ad essere la fonte primaria per il nostro Paese in fatto di petrolio, dunque, siamo costretti nostro malgrado a veri e propri salassi al momento di fare rifornimento.

Ma non dovrebbe essere il contrario? La politica lucana, sul punto, può fare qualcosa? Supponiamo di sì, ma fino ad ora anche su questo fronte si è visto molto poco. Il tema del “caro carburanti” è d’attualità sia perché questi sono giorni nel corso dei quali i prezzi continuano a salire, ma anche perché si approssimano ben due “ponti”: quelli del 25 aprile e del 1° maggio, che per i più fortunati sarà una unica, lunga settimana di vacanza. Proprio questo collegamento, tra prezzi alle stelle dei carburanti e vacanze imminenti, ha fatto l’onorevole Cosimo Latronico, il quale ha ricordato che «8 milioni di italiani si preparano a partire per i ponti di primavera mentre il costo della benzina e del gasolio continua a salire. Eni, Esso, Total, Q8 hanno aumentato almeno di un centesimo il costo alla pompa della benzina e del petrolio. Eppure il prezzo al barile è di 63,48 dollari. Nei mesi scorsi i prezzi dei carburanti avevano fatto registrare una notevole riduzione tant’è che il gasolio veniva distribuito a 1,2 euro al litro. Crediamo che la decisione di elevare il prezzo dei carburanti alla pompa non risponda ad equilibri di prezzo della materia prima, piuttosto a manovre speculative delle concessionarie a danno dei consumatori. Il ministero dello Sviluppo Economico dovrebbe intervenire con tempestività richiamando le compagnie ad una politica dei prezzi equilibrata, senza scaricare gli aumenti sui bilanci delle famiglie e delle imprese italiane. Ugualmente suggerisco al presidente della Regione Basilicata, Marcello Pittella, di convocare un tavolo con le compagnie Eni, Total, Schell, che estraggono in modo significativo in Basilicata, per impegnarle a praticare negli impianti di loro competenza, installati nel territorio lucano, prezzi calmierati per evitare il paradosso, tuttora esistente, che proprio in Basilicata, la terra delle estrazioni, il prezzo del carburante alla pompa è più alto che in altre Regioni d’Italia».

D’altra parte, qualcosa si deve pur fare: non è possibile approfittare in questo modo di un popolo sfruttato e spesso zittito dai suoi stessi rappresentanti politici, sempre molto attenti a tutelare gli interessi delle grandi multinazionali e quelli più personali, in danno di quelli della collettività. Alla quale, forse, non rimane che un’unica arma: il voto, per provare a disarcionare sacche di potere ormai vetuste e radicate, nella speranza che chi dovesse sostituire coloro che detengono siffatte sacche di potere sappiano curare di più e meglio gli interessi collettivi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

latte

«Idrocarburi pesanti presenti nel latte»

 
cagnolino

Appello al Comune di Lavello perché aiuti il cagnolino Diffi

 
«Chiedimi scusa», e picchiaun giovane in sala giochi

«Chiedimi scusa», e picchia
un giovane in sala giochi

 
Schianto sulla Melfi Potenzamuore un uomo

Schianto sulla Melfi Potenza, muore un uomo

 
Area industriale, l'accordoComune-Asi parte dal ponte

Area industriale, l'accordo
Comune-Asi parte dal ponte

 
In estate due fermate del Frecciargento a Maratea

In estate due fermate del Frecciargento a Maratea

 
Melfi pronta a produrre i modelli alta gamma Fca

Melfi pronta a produrre i modelli alta gamma Fca

 

MEDIAGALLERY

Foggia, rapinatori assaltano farmacia: sequestrati i dipendenti

Foggia, rapinatori assaltano farmacia: sequestrati i dipendenti

 
Melfi-Potenza, tragico scontro tra auto e un camion: un morto

Melfi-Potenza, tragico scontro tra auto e un camion: un morto

 
Blitz a Taranto contro gang di narco rapinatori: «Te lo vuoi fare il dottore?»

Blitz a Taranto, le intercettazioni: «Te lo vuoi fare il dottore?»

 
Rapinatori cantanti incastratida un video su You Tube

Rapinatori cantanti incastrati
da un video su You Tube

 
Emergenza cinghiali a Bari22 catturati e trasferiti in riserva

Emergenza cinghiali a Bari
22 catturati e trasferiti in riserva

 
Restart, così i piatti del futuro di Ladisa  a Bari

Restart, così i piatti del futuro di Ladisa a Bari

 
In due madre e figlio tentarono di uccidere un medico a Foggia: il mandante era il fratello della vittima

In due madre e figlio tentarono di uccidere un medico a Foggia: il mandante era il fratello della vittima

 
Cinque spacciatori fermati a Bari, agivano vicino l'Ateneo

Cinque spacciatori fermati a Bari, agivano vicino l'Ateneo

 

LAGAZZETTA.TV

Italia TV
L'Adorazione dei Pastori di Gherardo delle Notti

L'Adorazione dei Pastori di Gherardo delle Notti

 
Mondo TV
Traffico di specie protette e' business anche in Europa

Traffico di specie protette e' business anche in Europa

 
Notiziari TV
Ansatg delle ore 15

Ansatg delle ore 15

 
Sport TV
Il Giro d'Italia riparte dalla Reggia di Venaria

Il Giro d'Italia riparte dalla Reggia di Venaria

 
Meteo TV
Previsioni meteo per sabato, 26 maggio 2018

Previsioni meteo per sabato, 26 maggio 2018

 
Calcio TV
Il Bologna esonera Donadoni, pronto Pippo Inzaghi

Il Bologna esonera Donadoni, pronto Pippo Inzaghi

 
Spettacolo TV
Quando la fuga diventa un'arte

Quando la fuga diventa un'arte

 
Economia TV
L'idroscalo di Milano si rifa' il look, stop ad alghe e cura del verde

L'idroscalo di Milano si rifa' il look, stop ad alghe e cura del verde