Domenica 22 Luglio 2018 | 18:45

Sono sotto processo

Soffiate a spacciatori,
restano fuori 3 carabinieri

Il Consiglio di stato ha confermato il provvedimento di sospensione: i tre sono sotto processo penale

Accompagna in banca un uomo ai domiciliari. carabiniere assolto

L’ombra che tra i carabinieri del Vulture-Melfese possano essersi annidate delle mele marce. Militari che avrebbero favorito chi gestiva un giro di spaccio di stupefacenti. La vicenda risale a metà anni 2000 ma non se ne è avuta mai notizia perché l’Arma, a cui va il merito di aver scoperto il caso, ha per ovvi motivi tenuto la questione riservata. Ma mentre è in corso il processo penale, passato dal Tribunale di Melfi a quello di Potenza, la questione viene alla luce a seguito di una decisione del Consiglio di Stato.
I militari sono accusati di concussione e rivelazione ed utilizzazione di segreti d’ufficio. Un primo rinvio a giudizio venne annullato e si è giunti al processo solo con una decisione del Gup di marzo 2010. L’Arma ha disposto la sospensione dei militari, contro la quale uno di loro ha ricorso prima al Tar del Molise (dove era stato trasferito) e poi al Consiglio di Stato, che lo annullò per vizi formali. Ma c’è stato un nuovo provvedimento di sospensione, impugnato nuovamente, ma in questo caso il ricorso è stato sia dal Tar che in appello. «La natura precauzionale e preventiva del provvedimento di sospensione precauzionale dal servizio - hanno osservato i giudici - l’ampia discrezionalità riconosciuta in merito all’Amministrazione, la gravità dei reati contestati, la particolare rigidità dell’etica richiesta ad un appartenente all’Arma dei carabinieri rendono non decisiva, in senso contrario, la mancata applicazione di misure custodiali e la (relativa) risalenza dei fatti». E a poco è valsa anche la tesi dei difensori che il militare «non avrebbe avuto contatti diretti con malavitosi, tanto che gli verrebbe contestato di avere favorito l’attività criminale per così dire “operativa” degli altri due co-imputati, cui egli sarebbe, invece, rimasto fisicamente estraneo». La sua posizione, aveva già osservato il Tar, riguarda «fatti aventi possibile rilevanza penale suscettibili di ledere il prestigio dell’Arma dei Carabinieri e di minarne la credibilità».[g.riv.]

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

Scandalo sanita in BasilicataPittella resta, giunta con poteri

Scandalo sanita in Basilicata
Pittella resta, giunta con poteri

 
Marchionne, le 3 viste a MelfiSindacati divisi sul giudizio

Marchionne, le 3 viste a Melfi
Sindacati divisi sul giudizio
Maldarizzi: conosceva a memoria i prezzi dei concorrenti

 
Scontro con la moto in Cilento: muore un 24enne di Maratea

Scontro con la moto in Cilento: muore un 24enne di Maratea

 
Potenza, blitz nella notte: spuntaun ripetitore. «Non è autorizzato»

Potenza, blitz nella notte: spunta un ripetitore. «Non è autorizzato»

 
Melfi, un 23enne incensuratoarrestato per spaccio di droga

Melfi, un 23enne incensurato
arrestato per spaccio di droga

 
Riesame Potenza: Pittella resta ai domiciliari

Riesame Potenza:
Pittella resta ai domiciliari

 
«Grave pericolo per la salute e acque potabili compromesse»

«Grave pericolo per la salute
e acque potabili compromesse»

 
Sequestrate due eliambulanzeil volo dei soccorsi era un pericolo

Sequestrate due eliambulanze
il volo dei soccorsi era un pericolo

 

GDM.TV

Bari, avvistato grosso topo a Pane e Pomodoro: tranquilli è una bufala

Bari, avvistato grosso topo a Pane e Pomodoro: tranquilli è una bufala

 
Locorotondo, così il suocero tentòdi uccide il genero: «Sei morto»

Locorotondo, così il suocero tentò di uccidere il genero: «Sei morto»

 
Faida garganica, omicidio in pieno giorno a San Ferdinando

Faida garganica, omicidio in pieno giorno a San Ferdinando

 
Bari, donna prigioniera del fuoco in casa. le grida di aiuto

Bari, incendio e paura a Japigia. Le grida, il salvataggio e le testimonianze

 
Bari ai baresi

Bari ai baresi? I sogni e le voci dei biancorossi

 
Maxi sequestro a Lecce

Lecce, maxi sequestro di anabolizzanti: 500mila pasticche in un garage VIDEO

 
Commento fallimento Baricalcio di Fabrizio Nitti

Nitti (Gazzetta): «Troppo tardi. Evidenti colpe di chi ha gestito»

1commento

 
La sciarpata, l'inno, l'emozioneSulle note si «insegue un sogno»

La sciarpata, l'inno, l'emozione. Sulle note si «insegue un sogno»

 

PHOTONEWS