Sabato 23 Giugno 2018 | 13:44

Così papa Francesco «scoprì» Padre Pio

vaticano

di LEO LESTINGI

Nel centenario dell’apparizione delle stimmate e a 50 anni dalla morte di san Pio, c’è grande attesa per la visita di papa Francesco in Puglia. Sarà in pellegrinaggio a Pietrelcina e a S. Giovanni Rotondo domani, terzo pontefice a recarsi nei luoghi del santo del Gargano dopo Giovanni Paolo II (1987) e Benedetto XVI (2009).

La decisione di papa Bergoglio aveva un po’ sorpreso i commentatori e anche quella porzione, certo non ampia, di mondo cattolico che ha spesso guardato a padre Pio e alla sua vicenda con diffidenza e sospetto, marcandone la diversità con la predicazione sociale e l’ottimismo riformatore di papa Francesco. Eppure, se si riflette meglio sulla spiritualità del papa «venuto da lontano» e sulle sue più profonde preoccupazioni d’ordine pastorale, l’attenzione, la curiosità e l’intima adesione di Bergoglio per l’esperienza del santo «francescano» di Pietrelcina e soprattutto per quell’iniziativa spontanea dei Gruppi di preghiera a lui dedicati, sorti dopo la morte di san Pio, rivelano un’affinità e una sensibilità che sembrano vincere sulle differenze.

Certo, fino a qualche anno fa papa Francesco non aveva mai citato san Pio nei suoi discorsi e nelle sue omelie. Però volle con forza che venissero esposte a Roma le sue spoglie in occasione del Giubileo straordinario della Misericordia (2016); nel febbraio di quell’anno, poi, ricevette in udienza i Gruppi di preghiera, uno dei più importanti network spirituali del mondo, che conta migliaia di formazioni censite ufficialmente in 60 nazioni e che, a fronte di un’immagine che oscilla ancora fra l’agiografia e la riduzione a residuo di una religiosità arcaica, offrono una capacità di impatto nel sociale che va ben oltre la semplice devozione. E questi Gruppi, commentò allora Bergoglio, costituiscono una grandiosa rete relazionale che vede padre Pio come perno, pone nel rapporto con la trascendenza il senso dell’azione e considera la preghiera come uno strumento reale per cambiare il mondo.

L’interesse di papa Francesco per questa esperienza di religiosità e di pietà popolare, un tema che, nell’Esortazione apostolica Evangelii gaudium (2014), è stato da lui messo in stretta relazione con la «nuova evangelizzazione», insieme alla «mistica popolare» e la «pastorale urbana», affonda le sue radici nella ricca esperienza spirituale latinoamericana, espressa in molti modi e soprattutto nel famoso Documento di Aparecida (2007) dedicato ai popoli dell’America del Sud e dei Caraibi, in cui è stata assai rilevante la presenza di Bergoglio, all’epoca arcivescovo di Buenos Aires e responsabile della sua redazione.

Il legame fino a ieri inespresso ma indubitabile fra papa Francesco e padre Pio è stato comunque còlto e approfondito dal vaticanista Ignazio Ingrao in alcune pagine del suo bel libro Il segno di padre Pio (edito due anni fa da Piemme), che riporta una testimonianza di padre Marciano Morra, segretario generale per 25 anni dei Gruppi di preghiera, secondo il quale l’attenzione e la curiosità di Bergoglio nei confronti di padre Pio, del quale aveva ricevuto fino ad allora notizie frammentarie, si sarebbero risvegliate in occasione della canonizzazione di san Pio, nel 2002, quando il futuro papa era già cardinale e scoprì la diffusione capillare dei Gruppi di preghiera nella capitale argentina. Bergoglio mandò a Roma, così, due persone di fiducia per approfondire il fenomeno che, più tardi, tornarono in Argentina, insieme allo stesso padre Morra e a monsignor Giuseppe Ruotolo, fratello di Riccardo (allora presidente della Casa Sollievo di San Giovanni Rotondo), per riferire all’arcivescovo di Buenos Aires, che fu profondamente colpito sia dalle semplici regole evangeliche che l’esperienza dei Gruppi cercava di vivere, sia dal tema delle opere di carità, centrale nelle loro iniziative e nella stessa testimonianza di padre Pio, particolarmente apprezzata dal futuro papa anche per il suo «apostolato del confessionale», così come ebbe a definirlo.

Da quell’incontro a Buenos Aires nacque, così, quel legame profondo che sarebbe rimasto nascosto dietro le quinte, quasi invisibile, per molti anni, per poi venire alla luce in tutta la sua forza quando l’argentino, nel frattempo divenuto papa, renderà san Pio un simbolo del Giubileo della Misericordia e quando, sabato prossimo, sosterà in silenzio e in preghiera nei luoghi dai quali padre Pio, nella sua vita appassionata e operosa, non si allontanò mai.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MEDIAGALLERY

Il vincitore di Sanremo Ermal Meta canta in barese

Il vincitore di Sanremo Ermal Meta canta in barese

 
Confiscati beni per 30 mln fatti con un sequestro degli anni '80

Confiscati beni per 30 mln fatti con un sequestro degli anni '80

 
Lecce da «barocca» a «impacchettata»: in restauro due simboli della città, invisibili ai turisti

Lecce da «barocca» a «impacchettata»: in restauro due simboli della città

 
La rapina all'Auchan di Taranto ripresa col telefonino

La rapina all'Auchan di Taranto ripresa col telefonino

 
Rapina all'Auchan di Taranto, panico tra la gente

Rapina all'Auchan di Taranto, arrestati un 18enne e un 16enne incensurati Vd

 
Carlo Dragonetti, pugliese che diventa star del web in Cina

Carlo Dragonetti, pugliese che diventa star del web in Cina

 
Incidente sulla tangenziale sud di Bari: due feriti

Incidente sulla tangenziale sud di Bari: due feriti

 
Mondiali robotica, dal Canada l'esibizione dei maghetti della Tommaso Fiore

Mondiali robotica, dal Canada l'esibizione dei maghetti della Tommaso Fiore

 
Mancini a Matera: «Il Brasile vincerà il Mondiale»

Mancini a Matera: «Nel 2019 l'Italia qui per giocare una partita»

 
Decaro a Santa Scolastica: «Entro la fine dell'estate riapriamo il museo»

Decaro a Santa Scolastica: «Entro la fine dell'estate riapriamo il museo»

 

LAGAZZETTA.TV

Mondo TV
Bimbi separati, Stati fanno causa a Trump

Bimbi separati, Stati fanno causa a Trump

 
Meteo TV
Previsioni meteo per domenica, 24 giugno 2018

Previsioni meteo per domenica, 24 giugno 2018

 
Notiziari TV
Ansatg delle ore 12

Ansatg delle ore 12

 
Sport TV
Tortu batte Mennea

Tortu batte Mennea

 
Economia TV
La guerra dei dazi, Trump minaccia auto europee

La guerra dei dazi, Trump minaccia auto europee

 
Italia TV
Lifeline, pressing dell'Italia ma Malta non apre il porto

Lifeline, pressing dell'Italia ma Malta non apre il porto

 
Calcio TV
Messi male, e la papera Caballero

Messi male, e la papera Caballero

 
Spettacolo TV
Una vita spericolata, diventare criminali per caso

Una vita spericolata, diventare criminali per caso