Lunedì 25 Giugno 2018 | 08:13

Soldi al clan rivale per evitare l'agguato

È uno dei particolari che emergono dagli atti giudiziari sul clan Capriati

BARI - Un televisore e 10.000 euro per risolvere una controversia tra clan per uno sconfinamento nel territorio rivale che sarebbe sfociato quasi certamente in un agguato. È uno dei particolari che emergono dagli atti giudiziari sul clan Capriati, i cui vertici sono stati arrestati oggi dalla Squadra Mobile dopo un’indagine della Dda di Bari durata circa 4 anni. L’episodio riguarda il pestaggio di un affiliato ai Capriati da parte di uomini del clan Parisi di Japigia che intendevano vendicarsi per una rapina fatta nella loro zona dagli avversari. All’aggressione i Capriati inizialmente volevano rispondere con un agguato armato, bloccato dal capo clan Filippo Capriati il quale, dopo aver incontrato il fratello del boss Savinuccio Parisi, raggiunse un accordo per chiudere la faccenda offrendo appunto il denaro e il televisore.

Oltre ai 21 provvedimenti cautelari, ci sono altre 29 persone indagate. Tra queste c'è anche un funzionario dell’Agenzia delle Entrate, Emanuele Pastoressa, accusato di induzione indebita a dare o promettere utilità in concorso con un pregiudicato e un commerciante, per aver ottenuto 30 mila euro da un imprenditore agricolo per evitargli una verifica fiscale.
Filippo Capriati è definito «il Re, perché detiene la poltrona della famiglia», ma nel «timore di perdere la sua corona», come riferito da alcuni pentiti, girava accompagnato da una scorta armata. Tra le dichiarazioni che hanno rivelato gli affari del clan, ci sono quelle del pentito Nicola De Santis, ex autista Amtab, il quale ha deciso di diventare un collaboratore di giustizia quando il clan gli chiese di ammazzare il suo amico d’infanzia.

Indagato anche il medico di famiglia dei Capriati, accusato di aver fatto un falso certificato medico al figlio Sabino, permettendogli di assentarsi dal lavoro per tre giorni. Sabino Capriati, figlio di Filippo, è tra i dipendenti della Cooperativa Ariete che gestisce la viabilità nel porto di Bari e che, stando all’indagine della Dda, era controllata dal clan. Gli accertamenti della Polizia hanno rivelato che il porto era diventato una vera e propria «pertinenza del borgo antico nella disponibilità del clan». Lì i sodali si incontravano per parlare e organizzare le attività illecite. Risulta addirittura un episodio di aggressione ad un dirigente dell’autorità portuale e vari accessi non autorizzati di pregiudicati all’interno dell’area portuale.
«La nostra società è assolutamente estranea ai fatti ma è semmai parte lesa in relazione alle condotte illecite addebitate ai propri dipendenti» precisa in una nota la Cooperativa. «Tutto il personale impegnato nei servizi di assistenza alla viabilità all’interno del Porto di Bari, - spiega - non è stato in alcun modo selezionato, né tantomeno scelto da Ariete, ma è direttamente transitato dalle precedenti imprese appaltatrici, in virtù della cosiddetta clausola sociale».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MEDIAGALLERY

Scudetto alla Pink Bari Primavera, è festa grande a Firenze

Scudetto alla Pink Bari Primavera, è festa grande a Firenze

 
Impresa della Pink Bari Primavera battuta la Juve 4-3 all'ultimo respiro

Scudetto alla Pink Bari Primavera
battuta la Juve 4-3 all'ultimo respiro

 
Apricena, una discarica abusiva in pieno parco

Apricena, trovata una discarica abusiva in pieno parco

 
Il vincitore di Sanremo Ermal Meta canta in barese

Il vincitore di Sanremo Ermal Meta canta in barese

 
Confiscati beni per 30 mln fatti con un sequestro degli anni '80

Confiscati beni per 30 mln fatti con un sequestro degli anni '80

 
Lecce da «barocca» a «impacchettata»: in restauro due simboli della città, invisibili ai turisti

Lecce da «barocca» a «impacchettata»: in restauro due simboli della città

 
La rapina all'Auchan di Taranto ripresa col telefonino

La rapina all'Auchan di Taranto ripresa col telefonino

 
Rapina all'Auchan di Taranto, panico tra la gente

Rapina all'Auchan di Taranto, arrestati un 18enne e un 16enne incensurati Vd

 
Carlo Dragonetti, pugliese che diventa star del web in Cina

Carlo Dragonetti, pugliese che diventa star del web in Cina

 
Incidente sulla tangenziale sud di Bari: due feriti

Incidente sulla tangenziale sud di Bari: due feriti

 
Mondiali robotica, dal Canada l'esibizione dei maghetti della Tommaso Fiore

Mondiali robotica, dal Canada l'esibizione dei maghetti della Tommaso Fiore

 

LAGAZZETTA.TV

Notiziari TV
Ansatg delle ore 19

Ansatg delle ore 19

 
Italia TV
Topi tra i cassonetti al centro di Roma

Topi tra i cassonetti al centro di Roma

 
Mondo TV
Saudite al volante: finalmente indipendenti

Saudite al volante: finalmente indipendenti

 
Economia TV
In aziende appena 5% donne al top stipendi

In aziende appena 5% donne al top stipendi

 
Calcio TV
Baresi e Albertini al memorial Freti

Baresi e Albertini al memorial Freti

 
Spettacolo TV
Fuga dall'isola del Diavolo

Fuga dall'isola del Diavolo

 
Meteo TV
Previsioni meteo per domenica, 24 giugno 2018

Previsioni meteo per domenica, 24 giugno 2018

 
Sport TV
Tortu batte Mennea

Tortu batte Mennea