Giovedì 16 Agosto 2018 | 00:34

Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

Bologna. Di Vaio non vuole andare via

(ANSA) - BOLOGNA, 25 MAG - Marco Di Vaio, indagato dalla Procura di Bologna per falso e truffa ai danni del Comune nell'inchiesta sui pass per disabili, non intende lasciare il club rossoblu'. Lo assicura il presidente Albano Guaraldi. Di Vaio 'e' amareggiato ma non c'e' questa volonta' da parte sua', ha aggiunto Guaraldi, negando cosi' le voc...
Bologna. Di Vaio non vuole andare via
(ANSA) - BOLOGNA, 25 MAG - Marco Di Vaio, indagato dalla Procura di Bologna per falso e truffa ai danni del Comune nell'inchiesta sui pass per disabili, non intende lasciare il club rossoblu'. Lo assicura il presidente Albano Guaraldi.
Di Vaio 'e' amareggiato ma non c'e' questa volonta' da parte sua', ha aggiunto Guaraldi, negando cosi' le voci degli ultimi giorni. Anche il vicepresidente del Bologna Maurizio Setti ha confermato che 'non e' in discussione il fatto che debba rimanere'.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

GDM.TV

Bari, «scompare» l'aereo rumeno: a rischio le vacanze in Grecia

Bari, sparisce il jet rumeno: addio alle ferie in Grecia

 
Ponte crollato a Genova, le immagini dall'alto

Ponte crollato a Genova, le immagini dall'alto

 
«Oh mio Dio», il terrore in diretta

«Oh Dio, oh Dio!», il terrore in diretta

 
Genova, apocalisse sull'autostrada: crolla un ponte, giù oltre 100 metri. Auto e persone sotto le macerie

Genova, apocalisse sull'autostrada: crolla un ponte, 35 morti e 15 feriti. Quattro estratti vivi
«Oh Dio, oh Dio!»: terrore in diretta | Vd: dall'alto

 
Commemorazione fratelli Luciani, il video

Mafia, a un anno dalla tragedia la cerimonia a San Marco in Lamis

 
Brindisi, l'aereo-forno di RyanairMalori a bordo. «Bloccati sulla pista»

Brindisi, l'aereo-forno di Ryanair
Malori a bordo. «Bloccati sulla pista»

 
Prof. Gesualdo: «Primo trapianto al mondo a partire da donatore cadavere»

Trapianto di rene a catena a Bari. Gesualdo: «Ecco il primo caso al mondo»

 
La masseria che faceva affari con 2mila piante droga a Lecce

La masseria che faceva affari con 2mila piante droga a Lecce

 

PHOTONEWS