Cerca

Lunedì 25 Settembre 2017 | 04:48

Iraq - Così "Curveball" ha gabbato la Cia

Il capo dell'intelligence si è dimesso dopo la scoperta che le informazioni sbagliate su Saddam furono fornite da una falsa spia
NEW YORK - Una serie di rivelazioni in arrivo sul ruolo avuto nella preparazione della guerra in Iraq da un misterioso informatore iracheno, rivelatosi una falsa spia, avrebbero avuto un ruolo decisivo nello spingere il direttore della Cia George Tenet ad annunciare le proprie dimissioni. Bush Tenet Cia
Lo afferma il "New York Post", secondo il quale la vicenda della falsa spia, conosciuta solo con il nome in codice "Curveball", è destinata a esplodere con la presentazione di un imminente rapporto del Senato sugli errori d'intelligence relativi alle armi di distruzione di massa di Saddam Hussein.
L'informatore, secondo le indiscrezioni, risultava essere un ingegnere chimico di Baghdad che era informato sui presunti piani del regime iracheno per produrre antrace e altre armi biochimiche. Le sue rivelazioni furono usate dal segretario di Stato Colin Powell nel presentare all'Onu, nel febbraio 2003, le "prove" delle violazioni irachene alle risoluzioni delle Nazioni Unite.
"Curveball", secondo il "NY Post", sarebbe stato gestito dall' Iraqi National Congress, il controverso gruppo di esuli guidato da Ahmed Chalabi e avrebbe fatto le sue rivelazioni ai servizi segreti tedeschi. La Cia non avrebbe mai avuto accesso alla spia, ma solo ai suoi verbali, che sono risultati convincenti, secondo il quotidiano americano, perché le informazioni coincidevano con quelle che «altri esuli iracheni avevano fornito ai servizi d'intelligence italiano, belga e olandese».
Le critiche contenute nell'imminente rapporto del Senato, stando alle indiscrezioni, avrebbero spinto Tenet ad anticipare dimissioni che aveva in programma di dare a novembre, dopo il voto per la Casa Bianca.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione