Cerca

Sabato 21 Ottobre 2017 | 05:02

M.O. - Cinque ergastoli a Marwan Barghuti

Il segretario generale di al Fatah in Cisgiordania, condannato dal tribunale distrettuale di Tel Aviv per alcuni attentati di cui sarebbe stato ispiratore
TEL AVIV - Il segretario generale di al Fatah in Cisgiordania, Marwan Barghuti, è stato condannato oggi a cinque ergastoli per altrettante morti di israeliani, dal tribunale distrettuale di Tel Aviv.
Il tribunale israeliano ha condannato Marwan Barghuti oltre che a cinque ergastoli (uno per ogni israeliano ucciso in attentati legati alle sue attività) anche ad altri 40 anni di carcere.
«L'accusato - hanno stabilito i giudici - guidava un apparato terroristico».
Barghuti, parlamentare del Consiglio legislativo palestinese e leader di al Fatah in Cisgiordania, non intende appellarsi in quanto non riconosce la legittimità del processo, intentato nei suoi confronti dopo che egli fu rapito a Ramallah da una unità militare israeliana.
BARGHUTI, DOPO SENTENZA DICE L'INTIFADA TRIONFERA'
Il dirigente palestinese Marwan Barghuti, subito dopo la condanna a cinque ergastoli, ha affermato che «l'intifada trionferà» ed ha fatto il segno di vittoria con le dita. Lo hanno riferito persone presenti nell'aula.
DURE REAZIONI PALESTINESI DOPO SENTENZA. ANP RIAFFERMA SOSTEGNO AD ESPONENTE PALESTINESE
Sono dure le reazioni palestinesi alla pesante condanna - cinque ergastoli e 40 anni di prigione - inflitta oggi dai giudici della Corte distrettuale di Tel Aviv al deputato palestinese e segretario di 'Al-Fatah' Marwan Barghuti.
L'Autorità nazionale palestinese (Anp) di Yasser Arafat.
in un breve comunicato, contesta la condanna di Barghuti e riafferma pieno sostegno al leader di "Al-Fatah" e alla sua famiglia. «Israele ha commesso un errore grave», ha aggiunto il ministro degli esteri Nabil Shaath.
La moglie di Barghuti, Fadwa, da parte sua, si è detta certa che la sentenza «non servirà ad eliminare Marwan dalla scena politica e l'Intifada continuerà fino alla fine della occupazione israeliana».
«E' una sentenza politica, non ci sono dubbi. Volevano condannarlo a tutti i costi e lo hanno fatto», ha sostenuto Jawad Boulos, l' avvocato di Barghuti. (Per gran parte del processo, l'esponente palestinese aveva comunque preferito difendersi da solo).
Per il deputato palestinese Hatem Abdel Qader «Israele in realtà ha processato tutto il popolo palestinese. Ma ciò non servirà a spegnere il nostro desiderio di libertà ed indipendenza».
Alla lettura della sentenza era presente anche l'europarlamentare italiana Luisa Morgantini (Rifondazione).
«Oggi è un giorno triste anche per i tanti israeliani che credono nella pace - ha detto all'Ansa - Barghuti è un leader politico e può dare un contributo decisivo alla soluzione del conflitto. Speriamo di poterlo rivedere libero molto presto».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione