Cerca

Creata una mucca immune da Bse

Un grande produttore giapponese di birra in joint venture con una società americana di biotecnologia. La mucca, ancora allo stato di feto, è stata privata dei prioni, le proteine all'origine dello sviluppo del morbo della mucca pazza
TOKYO - Il grande produttore giapponese di birra, «Kirin», ha reso noto oggi di aver creato in joint venture con una società americana di biotecnologia una mucca, ancora allo stato di feto, immune dalla Bse, l'encefalopatia spongiforme bovina.
L'animale, ha affermato un portavoce della società giapponese, è stato privato con manipolazione genetica dei prioni, le proteine all'origine dello sviluppo del morbo della mucca pazza. La sua nascita è prevista per l'inizio del 2005.
Stando all'annuncio, la «Kirin» e la società Usa «Hematch LLC» non hanno per ora piani di utilizzare il capo immune dal morbo per la produzione di carne, ma solo a scopi sanitari per lo sviluppo di farmaci contro malattie come epatice C, polmonite e reumatismi. « Gli allarmi creati tra i consumatori di tutto il mondo dall'epidemia di mucca pazza, sconsigliano, benché in teoria non si vi siano problemi di alcun tipo, l'utilizzo di mucche infettate dalla Bse per la produzione di farmaci», ha detto un portavoce della «Kirin».
Giappone e Stati Uniti sono stati entrambi colpiti dal morbo della mucca pazza, finora gli unici due paesi, insieme con il Canada, a far registrare casi del genere fuori dell'Europa.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400