Cerca

Gaza - Uccisi due leader di Hamas

Due missili israeliani nella notte hanno ucciso tre persone e ferite altre sette. Tra i morti Wael Nassar, delle brigate Ezzedin al Qassam e Mohammed al Sarsur, importante capo locale
GAZA - Tre palestinesi morti e sette feriti. Questo il bilancio provvisorio - fornito da testimoni - delle esplosioni causate da due missili lanciati nella notte da un elicottero israeliano contro una motocicletta in movimento a Gaza City.

Fonti della sicurezza palestinese hanno riferito che i morti sono tre attivisti del braccio armato di Hamas, due dei quali viaggiavano a bordo della motocicletta che stava attraversando il quartiere di Zeitun, a Gaza City, roccaforte degli estremisti palestinesi.
Fonti mediche hanno detto che i feriti sono sette, ma non hanno precisato le loro condizioni. Secondo fonti attendibili palestinesi una delle vittime era un importante comandante dell'ala militare di Hamas, le brigate Ezzedin al Qassam, Wael Nassar.

Anche il secondo palestinese ucciso dal missile che ha centrato la motocicletta su cui viaggiava con Wael Nassar, era un importante capo locale delle Brigate Ezzedin al Qassam, il braccio armato di Hamas: si chiamava Mohammed al Sarsur ed aveva 30 anni come Nassar.
La terza vittima è stata identificata come Madi al Madi, 18 anni: il missile lanciato dall'elicottero israeliano ha fatto saltare in aria la sua abitazione mentre il giovane era in casa.

Il leader di hamas organizzò l'attacco dell'11 maggio
Wael Nassar, uno dei due comandanti delle Brigate di Ezzedin al Qassam uccisi oggi dal raid compiuto da un elicottero israeliano a Gaza City, aveva organizzato - secondo fonti israeliane - l'imboscata nella quale lo scorso 11 maggio erano stati uccisi sei soldati israeliani mentre era in corso un'incursione di blindati a Zaitun, roccaforte degli estremisti palestinesi.
Da anni il trentenne Nassar era nella lista dei palestinesi più ricercati dai servizi segreti dello Stato ebraico.
Nel frattempo i medici hanno riferito che tre dei sette feriti (tra cui vi sono una donna e due bambini) sono in gravi condizioni.

Gli uomini hamas in strade, gridano vendetta
Militanti di Hamas si sono radunati nella notte nel luogo dove sono stati portati i resti dei tre esponenti di Hamas uccisi stanotte da missili lanciati da un elicottero israeliano a Gaza City.
Molti si sono accasciati a terra in lacrime, altri hanno sparato in aria a ripetizione - inferociti - invocando 'Allah Akbar' ('Dio è grande') e giurando vendetta contro Israele.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400