Cerca

«I soldati israeliani come i nazisti»

Lo ha affermato il ministro della Giustizia israeliano Yosef Tomi Lapid durante la seduta del governo a proposito delle demolizioni di case palestinesi. Il vertice arabo a favore di Arafat
GERUSALEMME - Il ministro della Giustizia israeliano Yosef Tomi Lapid ha affermato oggi durante la seduta del governo che le demolizioni di case palestinesi effettuate dall'esercito nella striscia di Gaza gli ricordano le azioni dei nazisti contro la sua famiglia durante la seconda guerra mondiale.
Un'affermazione che, secondo quanto ha riferito il quotidiano «Haaretz» nel suo sito internet, ha provocato le immediate e vibrate proteste del premier Ariel Sharon e di altri ministri.
Lapid, che è un sopravvissuto alla Shoah, ha detto, secondo quanto hanno riferito le fonti del giornale, che le fotografie di un'anziana donna palestinese tra le rovine della sua casa «mi hanno ricordato mia nonna durante l'Olocausto».
Affermazioni di questo tipo, lo ha subito redarguito il premier, «aggiungono altro combustibile alla campagna incendiaria» contro Israele.
Lapid, secondo il giornale, ha risposto precisando di non aver inteso paragonare i soldati israeliani a quelli nazisti, ma ha aggiunto: «non c'è perdono per chi tratta una donna anziana in questo modo».

Il vertice arabo che si è svolto ieri a Tunisi ha chiesto tra l'altro aiuti finanziari urgenti per i palestinesi e la fine dell'assedio cui è sottoposto da due anni a Ramallah, in Cisgiordania, il presidente palestinese Yasser Arafat.
L'appello è stato rivolto a tutti i paesi della Lega Araba da Faruk Kaddumi, capo della delegazione palestinese. «Vi prego - ha detto - di non lasciare il popolo palestinese solo al suo destino». Ed ha sottolineato l'urgenza di «far cessare le aggressioni israeliane», invitando gli arabi ad intervenire presso gli Stati Uniti affinché «facciano pressione» su Israele e si diano da fare perché venga attuata la road map, il percorso di pace messo a punto da Onu, Usa, Russia e Ue.
Kaddumi ha anche denunciato «gravi violazioni della Convenzione di Ginevra sulla protezione dei civili in tempo di guerra» ad opera di Israele, in particolare nella striscia di Gaza e a Rafah.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400