Cerca

Mercoledì 20 Settembre 2017 | 16:29

Crollo in aeroporto a Parigi, sei morti

I feriti sono almeno dieci, ma si teme che il bilancio possa aggravarsi. Ha ceduto un tetto all'aeroporto Roissy-Charles de Gaulle, al terminal 2
PARIGI - E' salito a sei il bilancio dei morti nel crollo di un tetto all'aeroporto Charles de Gaulle-Roissy, alla periferia di Parigi. Ne ha dato notizia l'emitente radiofonica France Info che ha citato fonti del ministero dell'Interno.
I feriti sono almeno dieci, ma si teme che il bilancio possa aggravarsi ancora. I soccorritori continuano a scavare tra le tonellate di cemento armato e metallo crollate intorno alle 7 in una sala della zona partenze del Terminal 2E. Un tratto di circa 30 metri della pensilina di un passaggio per l'imbarco si è abbattuta sui passeggeri in attesa di partire.
Sul posto sono accorse decine di mezzidei vigili del fuoco e ambulanze. E' stato dichiarato l'allarme rosso e le autorità non fanno avvicinare i giornalisti. Il vicino terminal 2F continua a operare normalmente.
Il terminal 2E era stato inaugurato l'anno scorso. E' utilizzato dalla compagnia di bandiera Air France e da altri vettori stranieri.

Sul tetto dell'edificio, una sorta di grande tunnel color acciaio, è rimasto uno squarcio di cinquanta metri per trenta. I soccorritori lavorano con i cani per capire se vi siano altre persone intrappolate tra le macerie. «La scena è la stessa di un dopo terremoto», ha commentato un vigile del fuoco.
Le vittime sono passeggeri in arrivo o in partenza, mentre tra i feriti vi sono tre poliziotti, un cittadino cinese e uno della Costa d'Avorio. Il prefetto del dipartimento di Seine-Saint Denis, Michel Sappin, ha reso noto che tre feriti sono in gravi condizioni.
Il bilancio avrebbe potuto essere ben più grave se il crollo non si fosse verificato di domenica mattina così presto, visto che al 2E operano quotidianamente 50 voli. Al terminal erano appena arrivati due aerei, uno dall'aeroporto Newark di New York e uno da Johannesburg, mentre era in partenza un volo Air France per Praga, i passeggeri erano in fila al cancello di imbarco.
«Alcuni passeggeri hanno sentito degli scricchiolii e polvere cadere poco prima del crollo», ha riferito Pierre Graff, presidente della società Aeroports de Paris (Adp) che gestisce gli scali della capitale.
Il ministro dei Trasporti francese Gilles de Robien, che ha visitato il luogo del disastro insieme con il collega dell'Interno Dominque de Villepin, ha escluso che si sia trattato di un attentato terroristico. E' stata avviata un'indagine per capire come sia potuto accadere un incidente simile nel terminal 2E, costato 750 milioni di euro e inaugurato solo nel giugno scorso. «Oggi è una giornata molto difficile per noi», ha ammesso Graff.
Il taglio del nastro, per la verità, era stato rinviato proprio per problemi di sicurezza che avevano spinto la commissione di verifica a ritardare il certificato di agibilità. All'epoca, il sindacato Cgt denunciò presunte pressioni della società Adp e dell'Air France per far aprire il terminal in tempo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione