Cerca

Mercoledì 18 Ottobre 2017 | 20:32

Bimba palestinese uccisa a Rafah

Continua l'operazione israeliana «Arcobaleno» con l'esercito che rade al suolo le case palestinesi, nonostante la condanna Onu • Intifada a Rafah: le vittime innocenti della violenza
RAFAH/GERUSALEMME - Una bambina palestinese di tre anni e mezzo, Rawan Abu Zeid, è stata uccisa oggi a Rafah negli scontri fra esercito israeliano e gruppi armati palestinesi, al quinto giorno dell'operazione 'Arcobalenò.
L'offensiva prosegue, nonostante il dispositivo militare a Rafah da ieri sia stato alleggerito. L'esercito israeliano ha annunciato di avere scoperto oggi una seconda galleria clandestina, usata dai gruppi armati per il contrabbando di armi ed esplosivi dal vicino territorio egiziano. La distruzione dei tunnel con l'Egitto è il principale obiettivo dichiarato dell' operazione «Arcobaleno», insieme alla cattura di palestinesi ricercati per fatti di terrorismo.
Ma anche oggi la guerra che insanguina la regione ha provocato la morte di un bambino. Rawan Abu Zeid tornava a casa dopo essere andata a comprarsi qualcosa in una vicina bottega con il mezzo shekel (10 centesimi di euro) che gli aveva appena regalato suo papà, quando è stata colpita da due pallottole.
Secondo il padre, Mohammed, è stata uccisa da colpi esplosi da soldati israeliani, impegnati in scambi a fuoco con miliziani palestinesi. Rawan è stata seppellita subito, all'inizio del pomeriggio, come prevede la religione musulmana: il suo piccolo corpo è stato portato al cimitero avvolto nella bandiera verde di Hamas, mentre alcune persone gridavano vendetta contro lo stato ebraico. L'esercito israeliano è stato anche oggi in azione nel rione Brazil, mentre si è attestato all'esterno del vicino quartiere Tal Sultan, teatro nei giorni scorsi degli scontri più duri. Nella cantina di una casa abbandonata di Brazil i militari hanno scoperto il nuovo tunnel clandestino, il secondo dall'inizio dell'operazione. A Rafah è giunto oggi il direttore dell'agenzia Onu per i profughi palestinesi (Unrwa) il danese Peter Hansen, per una prima stima delle distruzioni alle strutture civili provocate dall'offensiva dell'esercito. Secondo il direttore dell'Unrwa i danni subiti da Rafah - dove sono state distrutte decine di case - sono di entità molto superiore ai mezzi a disposizione dell'agenzia Onu.
ATTENTATO KAMIKAZE FALLITO VICINO A NABLUS - Nel pomeriggio un attentato kamikaze è stato sventato di poco al check point israeliano di Beqaot, vicino a Nablus, in Cisgiordania. Un uomo di 19 anni si è fatto esplodere a circa 30 metri dai militari israeliani, che lo avevano fermato a distanza perchè ritenuto sospetto. Nell'esplosione è morto il kamikaze ed è stato ferito leggermente il comandante del distaccamento israeliano.
Anche tre civili palestinesi sono stati feriti, uno dei quali più seriamente. L'attentato è stato rivendicato dal Fronte Popolare di Liberazione della Palestina, secondo il quale doveva essere una risposta all'operazione israeliana a Rafah.
CONTATTI SEGRETI PERES SU INGRESSO GOVERNO - In Israele intanto si fa più concreta l'ipotesi di un cambiamento di maggioranza di governo per consentire l'attuazione del piano di disimpegno da Gaza del premier Ariel Sharon. Stando alla Tv israeliana giovedi c'è stata una riunione 'segretà fra il leader dell'opposizione Shimon Peres e uno stretto collaboratore del premier Ariel Sharon in vista di un possibile futuro ingresso del partito laburista nel governo. L'ipotesi è evocata dalla stampa da diverse settimane, e in particolare da quando il 2 maggio il Likud, il partito dello stesso Sharon, ha bocciato il piano di disimpegno da Gaza del capo del governo. Stando alle ultime indiscrezioni, il premier intende presentare un piano molto simile al primo e punta sempre a una evacuazione di tutte le colonie ebraiche da Gaza. Il piano bis sarà sottoposto al governo il 30 maggio. Stando alla stampa israeliana dovrebbe avere l'appoggio al massimo di 12 ministri su 23. E' probabile, se sarà approvato, che i partiti dell'estrema destra della coalizione escano dalla maggioranza. Per garantirne la realizzazione, il Labour potrebbe tornare al governo.
Francesco Cerri e Safwad Al Khalut

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione