Cerca

Iraq - Ostaggi, diplomatici italiani incontrano ulema

Ancora nelle mani della guerriglia irachena i tre ostaggi italiani.
BAGHDAD, 2 maggio 2004 - L'ambasciatore d'Italia in Iraq, Gian Ludovico de Martino, ha incontrato ieri il Consiglio degli ulema per discutere della delicata questione degli ostaggi italiani nella mani della guerriglia irachena. All'incontro ha preso parte anche l'ambasciatore del Canada, cui sta a cuore il destino di Rifaat Mohammad Rifaat, un quarantunenne canadese di origine irachena scomparso tre settimane fa.
Stando a quanto riferito dalle parti, il Consiglio degli ulema, i cui appelli per la liberazione di ostaggi sono stati in altri casi ascoltati, hanno detto di non avere avuto notizie.
I sequestratori, appartenenti alle «Brigate verdi di Maometto», erano tornati a farsi sentire giovedì sera con un messaggio letto dalla televisione «al Jazira». Assicuravano che ai tre italiani -Maurizio Agliana, Umberto Cupertino e Salvatore Stefio- non sarebbe stato fatto del male, ma che il governo di Roma avrebbe dovuto intercedere per la liberazione di prigionieri in Kurdistan.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400