Cerca

1° maggio - In migliaia in Germania protestano contro le riforme sociali del governo Schroeder

BERLINO, 1 maggio 2004 - Dure critiche al governo rosso- verde alla manifestazione sindacale per il primo maggio a Berlino. La politica del governo del cancelliere Gerhard Schroeder non è ne sociale nè giusta, ha attaccato il presidente della confederazione sindacale tedesca (Bgd), Michael Sommer, fra gli applausi dei partecipanti. La manifestazione al motto di «La nostra Europa - libera, uguale, giusta», si è conclusa con una comizio davanti al municipio della città. Con la scelta del motto quest'anno i sindacati volevano lanciare un segnale di sostegno all'integrazione europea dopo l'allargamento a 25 stati. «L'Agenda 2010 è diventata sinonimo di una società dei due terzi», ha detto Sommer alludendo alle riforme sociali del governo e alle presunte ingiustizie sociali in esse contenute. Il sindacato continuerà ad opporsi a una politica che non cerca nemmeno di distribuire equamente i sacrifici, ha incalzato. Per la prima volta da quando è cancelliere, Schroeder non ha partecipato oggi alla manifestazione del primo maggio perchè impegnato alla cerimonia al confine tedesco-ceco-polacco a Zittau per l'allargamento dell'Ue. In una intervista due giorni fa, Sommer aveva detto che era meglio così: «Non bisogna fingere un'armonia che non c'è». I rapporti fra cancelliere e sindacato sono raffreddati da tempo a causa delle riforme del welfare del governo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400