Cerca

Iraq - Nuovo video in tv con gli ostaggi italiani

Un nastro che ritrae Umberto Cupertino, Salvatore Stefio e Maurizio Agliana trasmesso da "Al Arabyia". Sedicenti "Brigate Verdi" chiedono - in cambio della loro liberazione - una grande manifestazione di piazza contro la politica di Berlusconi sull'Iraq
DUBAI - La tv araba al Arabiya ha mandato in onda oggi un video con i tre italiani tenuti in ostaggi in Iraq, con il seguente commento: «Un gruppo che dice di chiamarsi la Brigata Verde ha fatto sapere che li rilascerà se in Italia saranno organizzate manifestazioni di protesta contro la politica del governo in Iraq. Il gruppo ha dato cinque giorni agli italiani per tenere le proteste, altrimenti uccideranno gli ostaggi».
«Vi assicuriamo che daremo prova di buona fede e li libereremo - dice il messaggio diretto dai sequestratori al popolo italiano - se simpatizzerete con la nostra causa, ci mostrerete la vostra solidarietà e respingerete pubblicamente la politica del vostro primo ministro, inscenando una grande manifestazione nella vostra capitale per protestare contro la guerra». «Vi concediamo cinque giorni, scaduti i quali li uccideremo senza indugio e senza altri avvertimenti».

• La barba incolta e con indosso abiti diversi da quelli che avevano al momento del sequestro e ripresi mentre seduti a un tavolino basso stanno mangiando.
Così appaiono, da sinistra verso destra, Umberto Cupertino, Salvatore Stefio e Maurizio Agliana nelle immagini contenute in un videofilmato trasmesso oggi dall'emittente "Al Arabiya" e che costituisce il primo spiraglio evidente sui tre ostaggi italiani delle Brigate Verdi di Maometto, che ne hanno rivendicato il sequestro e l'omicidio di Fabrizio Quattrocchi, anch'egli sequestrato nella stessa circostanza in Iraq due settimane fa.
Stefio, Cupertino e Agliana appaiono in buone condizioni, ma su di loro pende l'ultimatum contenuto nel messaggio scritto che accompagna il video: cinque giorni perché l'Italia riveda la propria posizione sulla questione irachena, altrimenti i tre saranno uccisi.
Però ci sono ancora dubbi sul momento in cui potrebbero risalire queste immagini trasmesse dell'emittente del Dubai: non è da escludersi che risalgano ai primi giorni del sequestro.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400