Cerca

Lunedì 25 Settembre 2017 | 15:33

moda

Collezioni primavera-estate
le passerelle si tingono di fucsia

Abbagliati da una vasta gamma di gradazioni che spaziano dal magenta elettrico fino al Ciliegia Hollywood

 Collezioni primavera-estate le passerelle si tingono di fucsia

di Venera Elisa Fichera

Vedo fucsia. Il suo nome deriva dai fiori penduli, colorati dal rosso al viola, della «Fuchsia magellanica», pianta appartenente alla famiglia delle Onagracee.

Definito tale già nel lontano 1892, vanta oggi una vasta gamma di gradazioni che spaziano dal magenta elettrico al Ciliegia Hollywood. Ma la tinta regina delle collezioni primavera/estate 2017, alla fine degli anni ’30 del secolo scorso, «si parò d’un tratto davanti agli occhi» della surrealista della moda Elsa Schiaparelli per diventare «Shocking», come il nome del suo primo profumo.

«Brillante, impossibile, sfrontato, piacevole, pieno d’energia, come tutta la luce, tutti gli uccelli e tutti i pesci del mondo messi insieme, un colore proveniente dalla Cina e dal Perù, non occidentale; un colore “shocking” puro e non diluito». (dal libro «Shocking Life» Autobiografia di un’artista della moda - Alet Ed.)

Quel rosa shocking, firma della casa di moda parigina, con cui Dalì, grande amico della stilista, tinse addirittura «un enorme orso imbalsamato con dei cassetti nello stomaco», torna oggi a Place Vendôme tra i segni iconici della «sconvolgente» maison Schiaparelli, acquisita dal Patron del Gruppo Tod’s Diego Della Valle nel 2006, sotto la direzione stilistica del talentuosissimo Bertrand Guyon. Tinge la «Cahier bag» Prada che ricorda un taccuino, robusto e sicuro dove custodire i pensieri intimi e i preziosi racconti di vita delle donne, con i suoi dettagli che rimandano ai libri antichi.

Si insinua tra i petali in cristallo Swarovski degli occhiali da sole Dolce&Gabbana Eyewear, oversize e dal carattere vintage, della limited edition «Tropico Italiano» che racconta tutta la gioia di vivere del Sud Italia mediante i suoi simboli: fiori, pasta, frutta, portafortuna, colori…

Vive anche sulle clutch Chanel al Grand Palais di Parigi, che la maison ha trasformato in una Banca Dati per la sua RTW SS 17, tra eleganti robot in tailleur balck&white dalla doppia C e i colori dei fili dei server. A quanto pare il rosa è destinato a essere anche in futuro tra trend topic più influenti nella moda.

L’autorevole FIT, Fashion Institute of Technology, di New York ha infatti in programma una mostra dal titolo: «Pink: A History of pink in Fashion, Art & Culture» che sarà inaugurata solo nel mese di settembre del prossimo anno.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione