Sabato 21 Luglio 2018 | 23:33

L'ultimo saluto a Dario Fo sulle note di 'Bella Ciao'

L'ultimo saluto a Dario Fo sulle note di 'Bella Ciao'

Il corteo funebre che accompagna il feretro di Dario Fo è arrivato in piazza del Duomo a Milano. In piazza ci sono alcune migliaia di persone per l'ultimo saluto in una cerimonia laica. Prima che cominciasse la cerimonia, alcune persone, tra il pubblico hanno cominciato a scandire "Dario, Dario". Le grida hanno preso corpo ed sono state seguite da applausi delle migliaia di persone presenti. In piazza Duomo, intanto, dagli altoparlanti è partita una delle canzoni di Fo, 'Stringimi forte i polsi'. Carlo Petrini, fondatore di Slow Food e intimo amico di Fo ha ricordato il premio Nobel scomparso sottolienando come nella sua vita arte e politica siano state inscindibili. "Molte persone oneste e sincere hanno tenuto a sottolineare la differenza tra artista, genio straordinario e la politica come se le due cose fossero inscindibili - ha detto - credo che sia impossibile e non sia giusto: e ben lo sapevano quei sovversivi dell'accademia svedese che gli assegnarono il Nobel con una sintesi perfetta 'dileggia il potere e restituisce dignità agli oppressi'. Dobbiamo riaffermare con forza - ha proseguito - questa simbiosi stretta tra l'arte di Dario Fo e il suo impegno politico guidato da suo senso civico. Pensare a Dario senza la politica corrisponde dalle mie parti a pensare ad un buon vino fatto senza uva". Dal Piccolo teatro, dove era stata allestita la camera ardente, il corteo si è snodato lungo Foro Buonaparte. Poi proprio di fronte al Castello Sforzesco giù per via Dante, la strada pedonale che unisce i luoghi storici di Milano, piazza Cordusio, piazza Mercanti e infine piazza Duomo. Nel corteo funebre, anche le sindache di Roma e di Torino, Virginia Raggi e Chiara Appendino. A Milano oggi è lutto cittadino, con le bandiere civiche a mezz'asta. Il figlio Jacopo ha abbracciato amici, parenti e conoscenti alla camera ardente. La Banda degli Ottoni a scoppio ha accompagnato il corteo che dal Piccolo Teatro Strehler di Milano a piazza Duomo sulle note di 'Bella Ciao'. La banda degli Ottoni a Scoppio è nota a Milano e aveva già Suonato, come raccontato da loro stessi, ai funerali di Franca Rame e di Enzo Jannacci.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

I reali del Belgio alla Giornata Nazionale a Bruxelles

I reali del Belgio alla Giornata Nazionale a Bruxelles

 
Ingenti danni per alluvione in Cambogia dopo le forti piogge

Ingenti danni per alluvione in Cambogia dopo le forti piogge

 
Percorso a ostacoli nel fango a tradizionale gara a Manila

Percorso a ostacoli nel fango a tradizionale gara a Manila

 
Fan partecipano al Comic Con International a San Diego

Fan partecipano al Comic Con International a San Diego

 
Attivisti per la democrazia manifestano a Hong Kong

Attivisti per la democrazia manifestano a Hong Kong

 
Danni causati dal maltempo nell'Astigiano

Danni causati dal maltempo nell'Astigiano

 
Al via il Deichbrand music Festival di Nordholz, Germania

Al via il Deichbrand music Festival di Nordholz, Germania

 
Merkel al Bundespressekonferenz, annuale incontro con stampa

Merkel al Bundespressekonferenz, annuale incontro con stampa

 

GDM.TV

Bari, avvistato grosso topo a Pane e Pomodoro: tranquilli è una bufala

Bari, avvistato grosso topo a Pane e Pomodoro: tranquilli è una bufala

 
Locorotondo, così il suocero tentòdi uccide il genero: «Sei morto»

Locorotondo, così il suocero tentò di uccidere il genero: «Sei morto»

 
Faida garganica, omicidio in pieno giorno a San Ferdinando

Faida garganica, omicidio in pieno giorno a San Ferdinando

 
Bari, donna prigioniera del fuoco in casa. le grida di aiuto

Bari, incendio e paura a Japigia. Le grida, il salvataggio e le testimonianze

 
Bari ai baresi

Bari ai baresi? I sogni e le voci dei biancorossi

 
Maxi sequestro a Lecce

Lecce, maxi sequestro di anabolizzanti: 500mila pasticche in un garage VIDEO

 
Commento fallimento Baricalcio di Fabrizio Nitti

Nitti (Gazzetta): «Troppo tardi. Evidenti colpe di chi ha gestito»

1commento

 
La sciarpata, l'inno, l'emozioneSulle note si «insegue un sogno»

La sciarpata, l'inno, l'emozione. Sulle note si «insegue un sogno»

 

PHOTONEWS