Mercoledì 15 Agosto 2018 | 09:39

Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

policoro

Campo sportivo nel degrado
via a proteste e interrogazioni

Campo sportivo nel degrado via a proteste e interrogazioni

FILIPPO MELE

POLICORO - «Carissimi amministratori, abbiamo dovuto fare la doccia fredda e la nostra salute è a rischio di allergie e malattie varie. Siamo alla frutta. Vorrei vedere se fareste giocare i vostri figli in questa zozzeria». Lo ha scritto alle 18.58 di domenica scorsa, dopo la partita con il Sarconi, il capitano del Policoro calcio, Donato Lo Prete, sulla sua pagina Facebook. Uno sfogo per condizioni igieniche sanitarie degli spogliatoi al limite dell’inagibilità e del terreno di gioco al limite dell’impraticabilità. “Sfogo” ripreso dal consigliere comunale di Policoro ideale, Carmine Agresti, in una interrogazione presentata al sindaco, Enrico Mascia, ed all’assessore allo sport, Alessandro Razzante. «Visto l’inqualificabile e vergognoso degrado dello stadio “Rocco Perriello”, considerato che il suo uso in tali condizioni è di nocumento per la salute degli atleti e per l’immagine della città, chiedo di voler adottare misure straordinarie di manutenzione, urgentissime, per garantire la piena funzionalità dell’impianto. In alternativa si può procedere alla sua chiusura con grave danno del sistema sportivo locale tenendo presente che già una squadra (il Real Metapontino, ndr) è costretta ad andare a Pisticci per disputare il suo campionato».

Come replica l’assessore Razzante? “Interverremo entro novembre per la manutenzione straordinaria degli spogliatoi. Per il terreno di gioco entro la fine di dicembre effettueremo un intervento in grado di consentire lo svolgimento delle partite utilizzando materiali consentiti. La nostra intenzione, è quella di costruire ex novo lo stadio in altra area del nostro territorio». Posizione analoga a quella dell’ex assessore, Massimiliano Padula, in carica sino alla fine del giugno scorso, da noi più volte interpellato sulle medesime problematiche del “Perriello”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

Metaponto, prende un tonno rosso e si becca una multa da ben 2mila euro

Metaponto, prende un tonno rosso e si becca una multa da ben 2mila euro

 
Su Matera 2019 Nicola Benedetto lancia l'allarme: «C'è chi si scotterà»

Su Matera 2019 Benedetto lancia l'allarme: «C'è chi si scotterà»

 
Irsina, aveva cocaina e pasticchearrestato 52enne: è già libero

Matera, aveva droga, soldi
e bilancini: arrestato 27enne

 
Recupero ex club Med di Pisticci: pronto il progetto di Invitalia

Recupero ex club Med di Pisticci: pronto il progetto di Invitalia

 
Legge elettorale e il 17 si fissa il voto

Legge elettorale e il 17 si fissa il voto

 
In campo portiere squalificatoMatera-Potenza 0-3 a tavolino

In campo portiere squalificato
Matera-Potenza 0-3 a tavolino

 
Importavano auto di grossa cilindrata dalla Germania senza pagare l'IVA, denunciati

Importavano bolidi da Germania
senza pagare l'IVA: denunciati

 

GDM.TV

Bari, «scompare» l'aereo rumeno: a rischio le vacanze in Grecia

Bari, sparisce il jet rumeno: addio alle ferie in Grecia

 
Ponte crollato a Genova, le immagini dall'alto

Ponte crollato a Genova, le immagini dall'alto

 
«Oh mio Dio», il terrore in diretta

«Oh mio Dio», il terrore in diretta dei testimoni

 
Genova, apocalisse sull'autostrada: crolla un ponte, giù oltre 100 metri. Auto e persone sotto le macerie

Genova, apocalisse sull'autostrada: crolla un ponte, 35 morti e 15 feriti. Quattro estratti vivi
«Oh Dio, oh Dio!»: terrore in diretta | Vd: dall'alto

 
Commemorazione fratelli Luciani, il video

Mafia, a un anno dalla tragedia la cerimonia a San Marco in Lamis

 
Brindisi, l'aereo-forno di RyanairMalori a bordo. «Bloccati sulla pista»

Brindisi, l'aereo-forno di Ryanair
Malori a bordo. «Bloccati sulla pista»

 
Prof. Gesualdo: «Primo trapianto al mondo a partire da donatore cadavere»

Trapianto di rene a catena a Bari. Gesualdo: «Ecco il primo caso al mondo»

 
La masseria che faceva affari con 2mila piante droga a Lecce

La masseria che faceva affari con 2mila piante droga a Lecce

 

PHOTONEWS