Cerca

Consiglio comunale infuocato

Tricarico, arrivano i migranti
tensione per i primi 17 ospiti

Tricarico, arrivano i migrantitensione per i primi 17 ospiti

TRICARICOInfuocata la seduta del Consiglio comunale, aperto al pubblico, per discutere di un solo punto all’ordine del giorno: “Immigrazione e sistema di accoglienza tra solidarietà e criticità”. In pratica, gli amministratori hanno voluto informare la popolazione che la cooperativa “La Mimosa” di Grassano ha partecipato a un bando della Prefettura dichiarandosi disposta ad accogliere 30 immigrati da allocare in tre appartamenti di via Appia. Progetto accolto.
Dopo l’introduzione del presidente Franco Martinelli, la consigliera di minoranza Maria Rosaria Malvinni (“Impegno per Tricarico”) ha presentato una mozione, con la quale si chiedeva che fosse assicurata ai cittadini la massima tranquillità. D’accordo con lei il consigliere di minoranza Pancrazio Benevento (“Per il bene comune”) e l’intero Consiglio comunale. Il vice sindaco Paolo Paradiso (Pd) ha illustrato i fatti, riferendosi ai dettati legislativi in vigore e spiegando, come ha fatto poi anche il sindaco Angela Marchisella (Pd), che il Comune non ha margini di intervento sulla decisione della Prefettura. A questo punto sono cominciati i mugugni dei tanti presenti. Molti si sono iscritti a parlare. Molti altri sono intervenuti… a scena aperta. Si sono registrati momenti di grande confusione. Si gridava da tutte le parti. Veniva espressa preoccupazione per la quiete pubblica, ma si lanciavano pareri di ogni tipo in riferimento, per esempio, al presunto trattamento economico riservato agli immigrati, che in realtà non percepiscono, essendo invece diretto alle cooperative e ai privati che li accolgono, in contrasto con quanto viene fatto per i disoccupati. Altro elemento di contestazione: «Perché il progetto è affidato a una cooperativa di Grassano e non a tricaricesi?». La risposta a questa domanda era: «Perché non sono stati presentati progetti da tricaricesi».
Quando il presidente della cooperativa “La Mimosa” ha illustrato il piano d’intervento, dicendo che per gli ospiti sono stati individuati tre appartamenti, ma anche un ambiente nel quale potersi incontrare per mangiare e socializzare, una giovane mamma ha osservato: «Loro devono mangiare in un apposito locale, ma i nostri bambini a scuola mangiano nell’aula in cui si fa lezione, con il gesso della lavagna che si spande nell’ambiente». Abbiamo fatto soltanto degli esempi. Non sono mancati, però, interventi ispirati al senso della solidarietà. La seduta si è conclusa con un deliberato comune, con il quale si impegna il sindaco, responsabile della Protezione civile locale, a interagire nella migliore maniera con le forze dell’ordine affinché ci sia la massima vigilanza per la sicurezza in paese. Nella nottata, intanto, sono arrivati a Tricarico i primi 17 immigrati: tutti maschi in età fra i 18 e i 26 anni. Bangladesh e Pakistan la provenienza della gran parte di essi. Tre, poi, sono africani.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400