Cerca

Roberti: guardia alta

Matera 2019, il procuratore
antimafia non esclude rischi

Il capo della Dna: sinora nessun segnale preciso di una strategia criminale, ma possibile contaminazione malavitosa

Matera 2019, il procuratoreantimafia non esclude rischi

emilio salierno
Ieri sera, nella Casa Cava, il procuratore nazionale antimafia e antiterrorismo, Franco Roberti, ha avuto modo di conoscere, attraverso le foto di una mostra, la parte bella di Matera e della sua provincia. Gli hanno spiegato la Festa della Bruna, in particolare, e si è incuriosito alla tradizione dello strappo del «Carro trionfale».
Roberti è intervenuto alla presentazione del suo libro “Il contrario della paura” e c’è stata per noi la possibilità di chiedergli dei possibili rischi connessi a Matera capitale europea della cultura.
«Quando abbiamo di fronte grandi eventi e lavori pubblici – ha risposto – i rischi ci sono sempre. Non solo possibili infiltrazioni mafiose, ma anche situazioni di intrecci e di grovigli vari, corruzioni e in genere gestione del malaffare.
Anche qui da voi tocca a chi gestisce gli appalti, gli affidamenti, prevenire azioni illegali. Il rischio c’è, ma io dico che è una sfida che va raccolta.
Non si può fare come a Roma per la vicenda della candidatura per le Olimpiadi, dove evocando possibili infiltrazioni mafiose, si è pensato bene, cioè male, di rinunciarvi. È qualcosa di inaccettabile perché le cose si fanno, naturalmente si deve vigilare e prevenire le situazioni negative connesse. Per quanto riguarda Matera, tutte le attività economiche potrebbero esserne interessate, ma non si può assolutamente avere un atteggiamento di demonizzazione, ponendo così il carro davanti ai buoi. Al di là delle ipotesi e di ciò che potrebbe stare dietro l’angolo, la soluzione anche a Matera è quella della trasparenza, del rispetto delle regole, dell’onestà dei singoli gestori delle attività».
In Basilicata, come altrove, il flusso dei migranti ospitati cresce in maniera consistente. La preoccupazione per possibili infiltrazioni dell’Isis nei gruppi di stranieri è reale oppure è solo allarmismo?
«Su questo aspetto ritengo che si esageri. Non c’è alcun riscontro su infiltrati dell’Isis o di altre formazioni terroristiche tra i migranti. Ci sono stati dei momenti, e questo lo abbiamo detto più volte, in cui abbiamo registrato dei tentativi di gestione della logistica dei migranti, anche in Europa, da parte di soggetti ritenuti vicini all’Isis, ma questa è un’altra storia. Non ci sono fatti e riscontri, ma solo ipotesi per il momento azzardate».
Ma che cosa dice il prefetto Antonella Bellomo sul quadro delineato dal procuratore nazionale antimafia?
«Noi siamo pronti a offrire la nostra collaborazione alle altre istituzioni che saranno incaricate di gestire appalti e, in genere, i progetti di Matera 2019, approntando tutti gli strumenti di prevenzione antimafia, non abbassando la soglia di attenzione nei confronti delle imprese che si proporranno. C’è un dialogo con il Comune e la Fondazione 2019, che si affiancherà alle azioni ordinarie. È chiaro che l’impegno deve essere di tutti e credo che il procuratore Roberti lo abbia espresso in maniera abbastanza esplicitamente a Matera».
E gli accadimenti delinquenziali degli ultimi mesi a Matera così come anche in provincia, in particolare sulla costa jonica?
«Il problema è che i fatti ancora non ci danno un quadro esplicito di un disegno preciso della criminalità, ma indubbiamente non possiamo escludere che ci sia altro. In generale, ritengo che si debba temere più ciò che non è evidente che un quadro generale che si delinea con precisione. Il rischio c’è e quindi il timore che ne consegue, pur non essendoci, lo ribadisco, indicatori chiari di movimenti che vanno oltre gli episodi singoli. Del resto, Matera non è mica un’isola circondata da coccodrilli che tengono lontani i criminali».
Ma non l’abbiamo indicata come un’isola felice, solo un po di tempo fa?
«Quando sono arrivata io a Matera l’ho trovata già esposta, vivace. Ma è logico che sia così, è l’evoluzione».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400