Cerca

Lite con coltelli a Scanzano 3 arresti per tentato omicidio

Lite con coltelli a Scanzano 3 arresti per tentato omicidio
MATERA – Motivi passionali sono – secondo quanto ricostruito dagli investigatori – alla base della lite che ieri sera, a Scanzano Jonico (Matera), ha coinvolto tre persone (tra cui due fratelli), tutte con precedenti penali e arrestate dai Carabinieri con l’accusa di tentativo di omicidio. In ospedale, in prognosi riservata per le ferite da arma da taglio subite, sono ricoverati Vito Miraglia, di 29 anni, e Domenico Marino (26), mentre il fratello di quest’ultimo, Pietrantonio (28), che ha sparato un colpo di pistola, è stato trasferito in carcere.

I provvedimenti cautelari sono stati resi noti dai Carabinieri della Compagnia di Policoro al termine di indagini coordinate dal sostituto procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Matera Anna Franca Ventricelli.

L'episodio delittuoso si è verificato ieri sera al rione Santa Sofia di Scanzano Jonico a seguito di un alterco tra Domenico Marino e Miraglia, causato da vecchi dissidi legati a una presunta relazione sentimentale che Miraglia avrebbe intrapreso con l’ex fidanzata del primo. Il 29enne è stato colpito più volte da un coltello con una lama lunga dieci centimetri. Durante la lite Pietrantonio Marino ha sparato anche un colpo di pistola, senza colpire lo stesso Miraglia, che ha reagito e aggredito il "rivale".

Domenico è stato trasportato dal fratello in auto all’ospedale a Policoro e poi ha fatto perdere le sue tracce, prima di essere trovato e arrestato dai Carabinieri, che hanno sequestrato il coltello a serramanico, una pistola modificata e con matricola abrasa e alcuni bossoli. Sul luogo dell’episodio è stato rinvenuto anche l’altro coltello utilizzato durante la lite.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400