Cerca

Martedì 26 Settembre 2017 | 22:00

Matera, marcia agricoltori contro Imu e crisi aziende

Matera, marcia agricoltori contro Imu e crisi aziende
MATERA – Opposizione alla applicazione “generalizzata e discriminatoria” dell’Imu agricola, attivazione di misure e interventi da parte del Governo centrale e di quello della Basilicata per affrontare in concreto i problemi del comparto: sono le richieste che stanno caratterizzando oggi, a Matera, la protesta promossa dal coordinamento di agricoltori, cittadini e associazioni.

L'iniziativa, che ha mosso da vari centri centri del Materano e della Puglia circa un centinaio di trattori, concentrati in piazza Matteotti, ha avuto nella centrale piazza Vittorio Veneto un momento di confronto per spiegare i motivi della protesta e l'azione che il “Comitato nazionale” intende portare avanti in varie sedi.

“Il no all’Imu agricola – ha spiegato nel corso di una conferenza stampa il presidente di Altragricoltura, Gianni Fabbris – in piazza Vittorio Veneto rappresenta l’inizio per una forte ripresa dell’azione del mondo agricolo a vari livelli. L'imposta, ingiusta e discriminatoria, penalizza non solo i contadini, le aziende, ma avrà ripercussioni anche sociali sugli enti locali che difficilmente potranno contare su questi introiti. L’altro aspetto riguarda la crisi generale e le risorse che non giungono alle aziende agricole. Una questione che coinvolge non solo il governo centrale ma anche quello locale. Chiediamo un incontro al presidente della giunta regionale, Marcello Pittella, per sapere – dopo la dichiarazione dello stato di crisi del passato – se ci sono risorse per il mondo agricolo e a che punto è lo stato di riforma dei Consorzi di bonifica, di non aumentare i costi e di assicurare l'efficienza dei servizi”. Una delegazione di agricoltori ha incontrato in mattinata il prefetto per inoltrare richieste al governo e illustrare il disagio del mondo agricolo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione