Cerca

Venerdì 22 Settembre 2017 | 04:56

Torna la pasta di Matera risorge il Vecchio mulino

MATERA - L'iniziativa è dell’imprenditore Nicola Benedetto che ha acquistato il vecchio Mulino, oggetto di un progetto di ristrutturazione e di investimento per la promozione e la produzione alimentare per circa otto milioni di euro.
Torna la pasta di Matera risorge il Vecchio mulino
MATERA – Torna la pasta di Matera, prodotta con semola di grani duri della Basilicata, con il marchio di “Alvino”, dal nome di un imprenditore del Novecento che realizzò in località San Vito un grande mulino a cilindri poi passato ad altra famiglia materana "Quinto e Manfredi” che produsse fino alla fine degli anni Ottanta la pasta “Lucana”. L'iniziativa è dell’imprenditore Nicola Benedetto che ha acquistato il vecchio Mulino, oggetto di un progetto di ristrutturazione e di investimento per la promozione e la produzione alimentare per circa otto milioni di euro.

I primi campioni di spaghetti saranno presentati, prima della commercializzazione, il prossimo 14 febbraio nel corso di una iniziativa pubblica per la presentazione dell’intero progetto, che porterà a regime all’impiego di una ottantina di addetti e di stagionali. “Partiamo con la pasta – ha spiegato Benedetto - che a Matera ha una grande tradizione di grandi marchi del passato anche sui mercati esteri. E’ una grande opportunità per Matera, per valorizzare la cultura molitoria e pastaia, che la società 'Alvino 2019' intende realizzare guardando all’intera filiera. Nel vecchio mulino, i cui lavori di ristrutturazione riprenderanno a breve, saranno ospitati spazi per una 'Eath Basilicatà con prodotti tipici locali, di produzione della filiera dell’arte bianca e da forno, per la produzione di pasta, un mulino a pietra, un birrificio con luppolo lucani, sale da cucina per apprendere tecniche e saperi del passato, salone eventi e spazi per la degustazione”.

I lavori di ristrutturazione del vecchio mulino, ubicato in via San Vito, all’ingresso della città che porta alla statale Appia, dovrebbero durare un anno.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione