Cerca

Calcio, scontri a Policoro rubati alla Polizia cellulare e telecamera

MATERA – Un telefono cellulare di servizio in uso a un funzionario della Polizia e una telecamera utilizzata dalla Scientifica sono stati rubati durante l’aggressione subita dalle forze dell’ordine da parte di alcuni tifosi della Vultur Rionero, domenica scorsa, prima della gara di Eccellenza lucana giocata a Policoro (Matera), in casa del Real Metapontino: telefonino e telecamera sono stati poi ritrovati "anche grazie alla collaborazione di altri tifosi della squadra ospite"
Calcio, scontri a Policoro rubati alla Polizia cellulare e telecamera
MATERA – Un telefono cellulare di servizio in uso a un funzionario della Polizia e una telecamera utilizzata dalla Scientifica sono stati rubati durante l’aggressione subita dalle forze dell’ordine da parte di alcuni tifosi della Vultur Rionero, domenica scorsa, prima della gara di Eccellenza lucana giocata a Policoro (Matera), in casa del Real Metapontino: telefonino e telecamera sono stati poi ritrovati "anche grazie alla collaborazione di altri tifosi della squadra ospite".

E' uno dei particolari dell’operazione – che ha portato all’arresto "in differita" di sei uomini (tutti ai domiciliari) di età compresa tra i 40 e i 22 anni – illustrati stamani, in una conferenza stampa, nella Questura di Matera, dal questore della Città dei Sassi, Stanislao Schimera, e da dirigenti della Questura di Potenza, e dei Commissariati di Policoro e di Melfi (Potenza).

La Polizia ha anche denunciato altre due persone – per le quali, come per i sei arrestati, è stato richiesto il Daspo, il divieto di assistere a manifestazioni sportive – e sta facendo ulteriori indagini per identificare gli altri tifosi che hanno partecipato all’aggressione.

Secondo la ricostruzione fatta dagli investigatori, allo stadio di Policoro, erano attesi sono una cinquantina di tifosi della Vultur e gli "Allievi" della stessa società. Invece, ne sono arrivati altri 50, partiti da Rionero con un pullman, e giunti a Policoro in evidente stato di ebbrezza. Dopo aver fatto esplodere alcuni petardi, hanno aggredito il funzionario e gli agenti della Polizia presenti allo stadio, riuscendo a forzare il blocco predisposto all’ingresso. Al termine della partita, dopo l’arrivo di rinforzi dalla Questura di Matera (e "alla collaborazione – ha evidenziato il Questore Schimera – di alcuni finanzieri in borghese presenti allo stadio") i tifosi della Vultur Rionero sono stati identificati e hanno lasciato lo stadio di Policoro senza ulteriori incidenti.

Tra i sei arrestati (uno incensurato e gli altri con precedenti penali) tre – è stato reso noto durante la conferenza stampa – sono figli di appartenenti alla forze dell’ordine. Le accuse sono di violenza e resistenza a pubblico ufficiale, lesioni, danneggiamento e rapina impropria. I tre agenti feriti (tra cui il funzionario) hanno riportato ferite giudicate guaribili tra i cinque e i 15 giorni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400