Cerca

Parrucchieri abusivi «Attenti alla salute»

MATERA – Volantini dal titolo provocatorio "Quanto pensi che valga la tua salute?", attività di sensibilizzazione nei confronti dei consumatori e di coinvolgimento di istituzioni caratterizzeranno la campagna contro l’abusivismo nel settore dei servizi e cura alla persona che la Cna e l’Associazione parrucchieri ed estetisti di Matera hanno presentato oggi
Parrucchieri abusivi «Attenti alla salute»
MATERA – Volantini dal titolo provocatorio "Quanto pensi che valga la tua salute?", attività di sensibilizzazione nei confronti dei consumatori e di coinvolgimento di istituzioni caratterizzeranno la campagna contro l’abusivismo nel settore dei servizi e cura alla persona che la Cna e l’Associazione parrucchieri ed estetisti di Matera hanno presentato oggi, a Matera. All’incontro con i giornalisti hanno partecipato il presidente della Confederazione degli artigiani, Leo Montemurro, e operatori dell’associazione: “Alla base della richiesta – ha detto Montemurro – vi sono motivi di concorrenza sleale e di lavoro nero, che danneggiano non solo quanti sono in regola nello svolgimento della professione ma anche i consumatori, con rischi che mettono in pericolo la loro salute a causa della bassa qualità di attrezzature e l’uso di prodotti inadeguati. Porteremo avanti una campagna di sensibilizzazione su questi aspetti, ma ci attendiamo una risposta più efficace da parte delle istituzioni nel monitorare e contrastare il fenomeno”.

A fronte di 400 operatori regolari del settore, 300 parrucchieri e 100 estetisti, in provincia di Matera le stime di Cna parlano di altrettanti abusivi. Apem e Cna hanno promosso anche la possibilità di “fittare spazi e attrezzature” a quanti volessero svolgere l’attività senza sostenere gli investimenti di avvio delle strutture, allo scopo di ridurre una parte dell’abusivismo e accrescere la sicurezza per gli utenti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400