Cerca

Un card turistica unica per l’ingresso a tre musei

di DONATO MASTRANGELO
MATERA - Un biglietto integrato per accedere alla visita di tre importanti musei. È l’iniziativa che la Fondazione Zetema si accinge a promuovere dal prossimo anno. Dal 1° gennaio 2015, infatti, con un unico ticket, che sarà possibile acquistare anche via internet, i visitatori potranno accedere alla Cripta del Peccato Originale, al Musma ovvero il Museo della Scultura Contemporanea e alla Casa di Ortega, il complesso edilizio situato nel Sasso Barisano
Un card turistica unica per l’ingresso a tre musei
di DONATO MASTRANGELO

MATERA - Un biglietto integrato per accedere alla visita di tre importanti musei. È l’iniziativa che la Fondazione Zetema si accinge a promuovere dal prossimo anno. Dal 1° gennaio 2015, infatti, con un unico ticket, che sarà possibile acquistare anche via internet, i visitatori potranno accedere alla Cripta del Peccato Originale, al Musma ovvero il Museo della Scultura Contemporanea e alla Casa di Ortega, il complesso edilizio situato nel Sasso Barisano, oggetto di un intervento di recupero e che verrà inaugurato il prossimo 28 ottobre dove troveranno spazio venti bassorilievi policromi in cartapesta e dei relativi calchi in gesso, formanti le due serie narrative “Muerte y Nascimiento” e “Pasaron” dell’artista spagnolo Josè Ortega che visse a Matera durante il regime franchista. Finalmente, dunque, per iniziativa della Fondazione Zetema che dal 1988, anno della sua istituzione opera nel campo della tutela, gestione, valorizzazione e promozione dei beni culturali e ambientali e delle attività culturali, anche la città dei Sassi può disporre di una card turistica per poter visitare tre importanti “contenitore” di grande interesse storico artistico.

«Abbiamo già definito - afferma Raf - faello De Ruggieri, presidente di Zetema - tutti gli adempimenti tecnologici relativi alla gestione del software per l’acquisto online del biglietto integrato, facendo riferimento ad un unico conto corrente. Il costo del biglietto dovrebbe aggirarsi sui 12 euro e la durata dall’acquisto dovrebbe essere di circa un mese. Ovviamente per accedere alla Cripta del Peccato Originale, così come avviene anche adesso, sarà necessaria la prenotazione».

Presto all’iniziativa potrebbero aggregarsi altri siti. «Ci stiamo confrontando con il Circolo La Scaletta perchè si sta valutando la possibilità di inglobare in questo tipo di offerta museale anche Madonna delle Virtù e San Nicola dei Greci». La card turistica di Zetema potrebbe essere da stimolo anche per allargare i servizi a beneficio di chi sceglie di visitare la città che con gli antichi rioni è patrimonio mondiale dell’Unesco. Nel recente passato, alcune proposte, sono naufragate, per le eccessive pastoie burocratiche riscontrate sui vari livelli istituzionali. Eppure in altre città italiane esistono già formule grado di coniugare l’offerta ai musei con altri servizi a misura di turista, dalla ristorazione, all’ospitalità alberghiera ai servizi di trasporto pubblico. Esperienza del genere, ad esempio, si segnalano a Genova dove una card a partire da un importo di 12 euro permette l’accesso ai 22 musei cittadini comunali, statali e privati consentendo anche la libera circolazione sulla rete del trasporto pubblico urbano.

Altre iniziative simili sono già state attuate a Perugia, città che con Assisi è in corsa insieme a Matera per il riconoscimento della candidatura a Capitale europea della Cultura per il 2019. Nel capoluogo umbro, infatti, da tempo è stata lanciata la Card Perugia Città Museo che oltre a garantire l’accesso a cinque musei convenzionati offre una gamma ampia disconti in negozi e ristoranti. Lo scorso anno, invece, una agenzia di viaggia ha promosso a Lecce, altra città in corsa per la Capitale Europea 2019, una card che consente la visita a prezzo ridotto in alcuni musei ed agevolazioni per acquisti e servizi di alcuni esercizi commerciali.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400