Cerca

Aeroporto in Basilicata Sulla pista «Mattei» entro fine mese si vola

di PIERO MIOLLA
MATERA - Pista Mattei: entro fine luglio si vola. Lo ha assicurato il commissario del Consorzio di Sviluppo Industriale della Provincia di Matera, Gaetano Santarsia. «Contiamo di consentire l’apertura dell’aviosuperficie entro la fine di questo mese. In questi giorni stiamo completando gli ultimi lavori per il ripristino delle pertinenze per rendere operativa la struttura»
Aeroporto in Basilicata Sulla pista «Mattei» entro fine mese si vola
di PIERO MIOLLA

MATERA - Pista Mattei: entro fine luglio si vola. Lo ha assicurato il commissario del Consorzio di Sviluppo Industriale della Provincia di Matera, Gaetano Santarsia. «Contiamo di consentire l’apertura dell’aviosuperficie entro la fine di questo mese. In questi giorni stiamo completando gli ultimi lavori per il ripristino delle pertinenze per rendere operativa la struttura: pulizia della striscia di asfalto, taglio dell’erba e sistemazione della recinzione».
Da fine luglio, dunque, il sogno di buona la parte della regione, quello di avere se non proprio un aeroporto, quantomeno un’infrastruttura che possa favorire l’atterraggio ed il decollo, dovrebbe diventare realtà.

Al momento, però, la pista potrà ospitare «solo velivoli da 9 posti: questa è l’autorizzazione che l’Enac ci ha dato. Siccome, però, essa può essere ampliata mano a mano che la struttura viene utilizzata, noi contiamo entro un anno di esercizio di arrivare ad ospitare velivoli, dapprima con 40-50 posto, e poi anche quelli con 90 posti passeggeri». Ci sono gli Atr 42, dunque, nel mirino del Consorzio: sarà particolarmente importante, però, farla partire e renderla operativa a tal punto da intensificare sempre più il traffico. Il debutto operativo dell’aviosuperficie avverrà, come è noto, attraverso il gestore Win Fly, un’azienda che opera nel salernitano con la quale il Consorzio Asi ha sottoscritto un contratto di affidamento della struttura valido per i prossimi 3 anni, a partire dal momento in cui, materialmente, il servizio verrà affidato.

Tutto pronto, dunque, per il decollo della pista Mattei dopo un vero e proprio percorso tortuoso: Santarsia esprime l’ovvia soddisfazione del Consorzio ma puntualizza: «Per essere precisi è bene ricordare che il progetto in itinere relativo alla pista Mattei prevede la sua promozione in aeroporto, attraverso l’allungamento dagli attuali 1400 a 1.800 metri: per questo la Regione Basilicata ha stanziato 8 milioni di euro. Purtroppo, la storia recente della pista è stata caratterizzata da molti intoppi, primo tra tutti il sequestro dell’area da parte dei Noe dei carabinieri. Fortunatamente c’è stato il dissequestro ed il procedimento per presunti reati ambientali è stato archiviato. Da esso, però, ne sono derivati alcuni vincoli da parte del ministero dell’Ambiente che, al momento, non consentono di portare a compimento il progetto in toto allungando la pista».

Degli 8 milioni a disposizione, quanti ne sono stati fino ad ora utilizzati? «Circa 7, ma non solo per i lavori: anche per la strumentazione. Proprio per questo si è deciso di dare un impulso all’utilizzo della struttura per non rendere vano l’utilizzo di tutti questi soldi: tra l’altro, non va dimenticato che è stato anche realizzato l’hangar ed un impianto carburanti. Ritardare l’utilizzo avrebbe significato fare degradare non solo la struttura ma anche le apparecchiature».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400