Cerca

Tanti «vip» nel resort di Coppola a Bernalda

di ANGELO MORIZZI
BERNALDA - Palazzo Margherita, a Bernalda, brulica, in estate, di ospiti stranieri, provenienti da ogni parte del mondo. Non mancano calibri importanti della cinematografia e della musica internazionale, che scelgono il resort di Francis Ford Coppola come residenza per le loro vacanze lucane. E adesso arrivano perfino dal cielo. L’altro ieri un elicottero, dopo aver volteggiato a lungo su Bernalda, destando la curiosità di molti, è atterrato sul rettangolo dello stadio comunale “Michele Lorusso”
Tanti «vip» nel resort di Coppola a Bernalda
di ANGELO MORIZZI
BERNALDA - Palazzo Margherita, a Bernalda, brulica, in estate, di ospiti stranieri, provenienti da ogni parte del mondo. Non mancano calibri importanti della cinematografia e della musica internazionale, che scelgono il resort di Francis Ford Coppola come residenza per le loro vacanze lucane. E adesso arrivano perfino dal cielo. L’altro ieri un elicottero, dopo aver volteggiato a lungo su Bernalda, destando la curiosità di molti, è atterrato sul rettangolo dello stadio comunale “Michele Lorusso”.

Nell’abitacolo, però, contrariamente alle voci che già erano circolate in paese, circa la presenza del regista Quentin Tarantino, c'era, invece, Wes Anderson, 45enne regista, sceneggiatore e scrittore. Texano di nascita, ma newyorkese di adozione, Anderson ha fatto il suo esordio nel cinema nel 1994 con il corto “Bottle Rocket”. Il suo primo lungometraggio, invece, “Un colpo da dilettanti” è uscito due anni dopo. Del 1998 è “Rushmore”, opera in parte autobiografica. “I Tenenbaum”, “Le avventure acquatiche di Steve Zissou”, hanno preceduto la sua presenza, nel 2007, al Festival del Cinema di Venezia con “Darjeeling Limited” e “Hotel Chevalier”.

Nel 2012 è protagonista a Cannes con “Moonrise Kindom”. “The Grand Budapest Hotel” è la sua ultima fatica, ambientata negli Anni Venti. I film diretti da Anderson sono perlopiù commedie, con sfondodrammatico, intriso, però, di umorismo. Blindato e scortato, come avviene a tutti gli ospiti del resort Margherita, secondo quelli che sono i dettami di Coppola, Anderson trascorrerà in Basilicata qualche giorno, godendosi il mare del Metapontino, le bellezze paesaggistiche e storiche della zona. Dice “ di essere venuto in Basilicata per la prima volta, incuriosito dall’ambasciatore di questi luoghi, Francis Ford Coppola”.

Nei giorni scorsi, intanto, è approdato a Bernalda, ospite della stessa struttura, l’attore e batterista americano Jason Schwartzman, figlio di Talia Shire, la sorella di Francis, e del produttore Jack, nonchè fratello dell’attore Robert Carmine. La sua presenza, a passeggio per il corso di Bernalda, non è sfuggita ad alcuni fans, che ne Hanno immediatamente approfittato per il classico selfie sullo sfondo delle luci notturne di uno dei tanti pub che affollano il viale principale di Bernalda. Lui, in Basilicata c’è da qualche giorno, «intenzionato a restarci, per scoprire le bellezze di una terra meravigliosa e affascinante».

Sembra di ascoltare le parole profetiche di nonno Agostino Coppola, che, emigrato negli Stati Uniti, agli inizi del Novecento, diede origine a una lunghissima generazione di artisti. Cullando sulle ginocchia il nipotino Francis inculcò in lui la curiosità di questi luoghi, raccontandogli la favola di “Bernalda bella”. Dall’estate del 2011, quando Sofia Coppola decise di convolare a nozze con Thomas Mars, nella cittadina jonica è stato un viavai di personaggi vip, dal regista George Lucas, agli attori Justin Timberlake e Jessica Bield, fino al gruppo musicale dei Phoenix, che pedalava allegramente tra le palme di corso Umberto.

Nonostante la nota riservatezza dei gestori di Palazzo Margherita , l’arrivo dei personaggi illustri non sempre, passa inosservato. In queste circostanze Palazzo Margherita e i tavolini all’aperto di CineCittà Bar, si affollano di residenti o turisti da ogni dove. Francis lo aveva detto in tempi non sospetti: «Voglio far conoscere questi luoghi incontaminati, ma senza sconvolgere la pace e la tranquillità della mia Bernalda».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400