Cerca

Martedì 24 Ottobre 2017 | 04:06

«I consultori preziosi oggi realtà fantasma»

di CARMELA COSENTINO
MATERA - Sono stati tra le realtà più innovative nel campo socio- sanitario, istituiti negli anni ‘70 per promuovere una cultura laica alla sessualità, alla salute delle donne, alle complesse problematiche delle coppie e delle famiglie. Oggi, questi spazi di ascolto, di informazione e di supporto, rischiano di perdere la loro funzione di base, per via dei tagli al personale, della spending review e di una cultura economicistica
«I consultori preziosi oggi realtà fantasma»
di CARMELA COSENTINO
MATERA - Sono stati tra le realtà più innovative nel campo socio- sanitario, istituiti negli anni ‘70 per promuovere una cultura laica alla sessualità, alla salute delle donne, alle complesse problematiche delle coppie e delle famiglie. Oggi, questi spazi di ascolto, di informazione e di supporto, rischiano di perdere la loro funzione di base, per via dei tagli al personale, della spending review e di una cultura economicistica che ha perso ogni interesse per le persone e per la comunità. In Basilicata questi luoghi di eccellenza, esistono solo sulla carta. «I Consultori sono oggi una realtà fantasma - dice la dottoressa Catia Caponero - il personale è stato talmente ridotto che gli operatori si sono dovuti concentrare solo su alcune attività, da cui sono stati esclusi la prevenzione, l’educazione dei giovani alla sessualità, le campagne di informazione sulla contraccezione e sulla maternità responsabile, e l’ascolto delle famiglie. Gli psicologi dei Consultori si occupavano anche delle problematiche attinenti ai minori, e naturalmente della salute delle donne e dei problemi di coppia. Oggi purtroppo trascurati». Il dato allarmante è che mentre si procede alla chiusura dei Consultori, le richieste di aiuto e supporto aumentano. «Nel Dipartimento di Salute Mentale dell’Ospedale Madonna delle Grazie dove io lavoro - spiega la dottoressa - abbiamo registrato un forte aumento dell’utenza. Da noi arrivano coppie in cerca di supporto psicologico e uomini con problemi di aggressività nei confronti delle donne che chiedono di essere aiutati. Altro dato da sottolineare è l’aumento degli aborti, in controtendenza rispetto a due anni fa in cui avevamo registrato una forte diminuzione del fenomeno che adesso interessa soprattutto donne giovanissime ed extracomunitarie. È importante porre all’attenzione di tutti la questione, sensibilizzare l’opi - nione pubblica ma anche le istituzioni politiche e sanitarie perché insieme trovino una soluzione al problema”. Temi che saranno al centro dell’in - contro in programma questa sera nella Libreria dell’Arco di Matera. Ospite dell’incontro Giovanni Fattorini, autore del volume “I Consultori in Italia”, che, attraverso una ricca documentazione sulla storia, sui risultati e sulla situazione attuale dei Consultori, mostrerà quanto attuali e necessarie siano le parole d’ordine su cui sono stati fondati, accoglienza, informazione, libertà di scelta, multidisciplinarietà ». L’incontro che avrà inizio alle 19 è organizzato dal Collettivodonnematera nato a novembre dello scorso anno dall’incontro spontaneo di un gruppo di persone che si sono riunite in occasione della giornata internazionale per l’eliminazio - ne della violenza sulle donne.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione