Domenica 22 Luglio 2018 | 11:04

solidarietà

I coltivatori salentini
pronti ad «imbandire»
la mensa dei poveri

coldiretti

I mercati di Campagna Amica Lecce sposano la solidarietà. Nelle piazze Ariosto e Bottazzi domani a partire dalle 10, le aziende di Coldiretti doneranno alla mensa della Caritas della parrocchia Santa Maria delle Grazie nel quartiere Santa Rosa, guidata don Damiano Madaro, i prodotti di stagione, dalla frutta alla verdura, dai formaggi al pane, all'olio nuovo, al vino, e poi ancora miele, uova e altre specialità a “km0”.

La cerimonia di consegna dei prodotti sarà alle 10.30 in piazza Bottazzi, a Lecce, alla presenza di don Madaro. La mensa della parrocchia di Santa Rosa è la più affollata della città, offre circa 50 pasti al giorno. Per questo Coldiretti sente di voler riservare la massima attenzione a questo luogo di accoglienza e solidarietà sociale e umana.

In piazza Ariosto invece, oltre alla raccolta degli alimenti, sarà ospitato l'Ordine francescano secolare del convento dei frati minori di Fulgenzio di Lecce. Sarà allestito un gazebo in cui i terziari francescani organizzeranno una vendita per beneficenza di dolci e prodotti solidali confezionati dalle suore clarisse. Nei mercati di Campagna Amica sarà anche l’occasione per acquistare i prodotti con cui realizzare i cesti natalizi.

«I poveri nel Salento sono purtroppo in aumento - dice il presidente di Coldiretti Lecce, Pantaleo Piccinno - un problema allarmante. Il mondo agricolo non dimentica i bisogni degli ultimi proprio per il collegamento che l'agricoltura ha sempre mantenuto con i valori cristiano-sociali».

L’iniziativa domani di “Campagna Amica” Lecce non è occasionale. «Normalmente i nostri mercati destinano una quantità importante di prodotti alle mense dei poveri della città – dice il direttore di Coldiretti Lecce, Giuseppe Brillante - Siamo impegnati nella battaglia contro lo spreco alimentare, che in momenti di difficoltà economica per le famiglie è un problema ancora più inaccettabile. Il nostro appello ai salentini in queste festività è quello di sostenere le aziende del territorio, acquistando per i pranzi e per le cene delle festività i prodotti degli agricoltori e a km zero. Un modo per fare doppiamente del bene, a se stessi regalandosi prodotti sani, genuini e sicuri, ed alle aziende agricole del Salento che in questo modo possono essere sostenute nella crescita».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

Università: ministra Lezzi relatrice con figlio in braccio

Ministra Lezzi contestata:
non hai bloccato gasdotto

 
«Fast food» ambulanti al Tar dopo lo sfratto

«Fast food» ambulanti
al Tar dopo lo sfratto

 
Xylella, Emiliano a Centinaioserve decreto per abbattimenti

Xylella, ministro in Salento:
valutiamo con Ue abbattimento

 
Sequestrati beni per sei mln a esponenti Scu nel Leccese

Sequestrati beni per sei milioni a esponenti Scu nel Leccese

 
Palme date alle fiamme scempio a Parco Tafuro

Palme date alle fiamme
scempio a Parco Tafuro

 
Maxi-sequestro di sostanze anabolizzanti e dopanti: 5 arresti

Maxi-sequestro di sostanze anabolizzanti e dopanti: 5 arresti

 
Giampiero Maci presidente del Casarano

Giampiero Maci
presidente del Casarano

 

GDM.TV

Bari, avvistato grosso topo a Pane e Pomodoro: tranquilli è una bufala

Bari, avvistato grosso topo a Pane e Pomodoro: tranquilli è una bufala

 
Locorotondo, così il suocero tentòdi uccide il genero: «Sei morto»

Locorotondo, così il suocero tentò di uccidere il genero: «Sei morto»

 
Faida garganica, omicidio in pieno giorno a San Ferdinando

Faida garganica, omicidio in pieno giorno a San Ferdinando

 
Bari, donna prigioniera del fuoco in casa. le grida di aiuto

Bari, incendio e paura a Japigia. Le grida, il salvataggio e le testimonianze

 
Bari ai baresi

Bari ai baresi? I sogni e le voci dei biancorossi

 
Maxi sequestro a Lecce

Lecce, maxi sequestro di anabolizzanti: 500mila pasticche in un garage VIDEO

 
Commento fallimento Baricalcio di Fabrizio Nitti

Nitti (Gazzetta): «Troppo tardi. Evidenti colpe di chi ha gestito»

1commento

 
La sciarpata, l'inno, l'emozioneSulle note si «insegue un sogno»

La sciarpata, l'inno, l'emozione. Sulle note si «insegue un sogno»

 

PHOTONEWS