Cerca

Giovedì 14 Dicembre 2017 | 16:17

Diego De Lorenzis nel mirino

Lecce, raid in casa
del deputato dei 5 Stelle

Lecce, raid in casa  del deputato dei 5 Stelle

di Elena Armenise

LECCE - Messa a soqquadro l’abitazione del deputato Diego De Lorenzis. Sembra esclusa l’ipotesi di un tentativo di furto. «Se qualcuno cerca di intimorirmi si sbaglia di grosso» dice il parlamentare del M5S.

L’episodio è accaduto martedì scorso, a Lecce, ma il deputato lo ho reso noto solo ieri, per evitare di intralciare le indagini degli inquirenti. «Qualcuno ha deciso di farmi visita quando nessuno era presente - dice il parlamentare pentastellato - in molti, purtroppo, conoscono la sensazione orribile di impotenza e fragilità dovuti alla violazione del posto in cui ci si dovrebbe sentire più al sicuro. Tuttavia - aggiunge - chi è entrato non era un ladro, un drogato o un balordo. Non cercava denaro o qualcosa da rubare. Non è stato portato via niente».

Ad accorgersi di quanto accaduto nell’appartamento alla periferia di Lecce, la moglie del deputato che, entrando a casa, si è resa conto che la porta blindata era chiusa, ma senza mandate. L’infisso non presentava segni di infrazione. Una volta all’interno, l’amara sorpresa. L’intera abitazione era stata messa a soqquadro, ma non è stato portato via niente, né denaro contante, né oggetti di valore. È possibile, dunque, che i malviventi cercassero altro. Forse documenti legati all’attività del parlamentare che si trovava a Roma. «Forse ho pestato i piedi a qualcuno - ipotizza Diego De Lorenzis - Nell’appartamento non avevo alcun documento legato alla mia attività. Forse gli atti presentati in Parlamento, in Procura o alla Corte dei conti avranno infastidito qualcuno. Tra le ipotesi degli inquirenti anche quello di un messaggio intimidatorio. Se così fosse - dice De Lorenzis - voglio che sia chiaro che non ho paura perché non sono solo. Non hanno colpito me o la mia famiglia. Hanno offeso un’intera comunità di persone oneste. Andremo avanti. Questo dimostra che il nostro lavoro va nella direzione giusta». All’interno dell’abitazione sono stati effettuati tutti i rilievi necessari per cercare di individuare i responsabili. Le indagini sono in corso.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione