Cerca

Lunedì 11 Dicembre 2017 | 18:24

microcredito

Lecce , nuova erboristeria
grazie al «Prestito della speranza»

L’apertura dell’attività ha un particolare significato per l’Arcidiocesi che dal 2009 ad oggi ha soddisfatto ben 147 richieste di sostegno economico

erboristeria

LECCE - Ancora un altro intervento dell’Arcidiocesi leccese a sostegno dei giovani e dell’impresa grazie al cosiddetto «Prestito della speranza». Proprio ieri, in via XXV Luglio, il responsabile della Caritas diocesana, don Attilio Mesagne, ha partecipato al taglio del nastro de «La Mandragora» una nuova erboristeria e sala da the che corona il sogno di Sara Francioso e Maria Cristina Rizzo, due amiche - oggi anche socie - che da anni si dedicano allo studio dell’erboristeria. Accanto al responsabile della Caritas, in occasione dell’inaugurazione, anche il sindaco Carlo Salvemini, il presidente del Consiglio comunale, Paola Povero, ed il consigliere Giovanni Castoro.

L’apertura dell’attività ha un particolare significato per l’Arcidiocesi che dal 2009 ad oggi ha soddisfatto ben 147 richieste di sostegno economico, aiutando e finanziando con vari mezzi giovani, famiglie, piccole imprese già avviate o da avviare. Un’attività di supporto costante, per la quale in meno di otto anni sono stati veicolati complessivamente circa 900mila euro. Interventi resi possibili anche attraverso il «Microcredito Sant’Oronzo» ed «Presito della speranza». Quest’ultimo strumento, in particolare, è il frutto di una convenzione tra la Conferenza episcopale italiana, la Banca Intesa San Paolo Prossima spa e associazione Vo.b.i.s., in collaborazione con la Caritas italiana.

La Mandragora è in ordine di tempo l’ultima attività aperta, un piccolo “scrigno” di erbe oficinali, oli essenziali, incensi, tè, tisane in foglie e ottimi dolci, dove ritrovare momenti di armonia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione