Cerca

Giovedì 14 Dicembre 2017 | 23:58

Lecce

Molestie del parroco a 14enne
indagata mamma della ragazza

Molestie del parroco a 14enne  indagata mamma della ragazza

LECCE - Un sacerdote che avrebbe abusato ripetutamente di una 12enne in canonica e la mamma della vittima che, pur sapendo delle violenze, avrebbe preferito tacere, tanto da essere indagata per favoreggiamento personale. E’ una storia tutta da verificare, maturata in un contesto famigliare di forte degrado, quella su cui svolge accertamenti la Procura di Lecce che ha indagato il parroco per violenza sessuale.

Cosa abbia spinto la mamma della ragazzina a tacere le presunte violenze, non si sa. In paese, un piccolo centro alle porte di Lecce, c'è chi parla di una liaison tra la donna e il sacerdote, ma al momento si tratta solo di pettegolezzi alimentati da un esposto depositato dalla zia paterna della ragazzina dopo che la dodicenne è stata in vacanza per due settimane, nel luglio scorso, a casa della parente, a Napoli, dove suo padre si trova agli arresti domiciliari. Sullo sfondo sembra esserci un regolamento dei conti tra i suoi genitori dopo la separazione avvenuta due anni fa perché suo padre riteneva che la moglie avesse una relazione extraconiugale con il sacerdote. Ne è nata una 'guerrà che ha coinvolto le due famiglie e che ha indotto l’uomo, ormai sul lastrico, a rubare un’arma da guerra e a rivenderla sul mercato nero, episodio per il quale è stato condannato ed è agli arresti.

La dodicenne è già stata ascoltata dai magistrati, alla presenza di una psicologa. Avrebbe raccontato degli abusi subiti, riferendo di palpeggiamenti e di violenze. Sul suo racconto ora si cercano i riscontri. Per questo i magistrati hanno sequestrato i telefonini della ragazzina e del prete alla ricerca di eventuali messaggi che i due si sarebbero scambiati. Gli abusi, secondo l’ipotesi accusatoria, sarebbero avvenuti dall’inizio dell’anno fino a luglio. Tuttavia, una visita ginecologica compiuta sulla ragazzina avrebbe escluso qualsiasi forma di violenza. Così sono sorti i dubbi, che si sono fatti sempre più numerosi. Della vicenda si sta occupando anche il Tribunale per i minorenni che ha disposto l’allontanamento della ragazzina dalla famiglia e il suo ricovero in una struttura protetta. Da una decina di giorni i magistrati hanno anche impedito alla piccola di avere rapporti con la zia paterna, con la mamma e con altri parenti per cercare di raccogliere nel modo più neutro possibile il suo nuovo racconto sugli abusi.

Sul prete, invece, c'è stata subito una levata di scudi della Curia che ha bollato le accuse come diffamanti. Il parroco, dall’agosto scorso, per una normale avvicendamento deciso prima dell’esposto, è stato trasferito in un’altra parrocchia salentina. L’uomo, poco più che trentenne, insegna in una scuola media ed è stimato da colleghi e parrocchiani.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione