Cerca

Venerdì 15 Dicembre 2017 | 14:56

provincia

«Una fase drammatica»
Domani vertice a Roma

«Ora provvedimenti urgentissimi da Governo e Regione»

 «Una fase drammatica» Domani vertice a Roma

Emanuela Tommasi

«La situazione è drammatica. Abbiamo accumulato una serie di gap negativi non più sopportabili anche dal punto di vista contabile». Il presidente, Antonio Gabellone, rilancia il grido d’allarme della Provincia - in gravissime condizioni economico-finanziarie dopo lo svuotamento delle funzioni - e si prepara al vertice di domani, a Roma. Per le 15, infatti, è previsto un tavolo tra Governo, Regioni, Upi e Province di Puglia per la verifica del riconoscimento di quanto dovuto.

Inoltre, per i prossimi giorni è prevista anche la convocazione del direttivo nazionale delle Province.

«Ci aspettiamo provvedimenti urgentissimi dal Governo - dice Gabellone - e ci aspettiamo che la Regione Puglia cambi atteggiamento, anticipando fondi ad hoc che saremo pronti a restituire non appena interverrà il Governo».

Da parte della Regione Puglia, fa sapere il presidente, c’è il tentativo di non riconoscere le funzioni non fondamentali, con il rischio - praticamente una certezza - che la Provincia avvii un contenzioso. «Riguarda il turismo, l’agricoltura - spiega Gabellone - e tutto quanto, dal 2015 ad oggi, noi abbiamo sopportato nell’attesa che la Regione approvasse la legge per definire con puntualità le funzioni da attribuirci e quelle da gestire».

A rischio, si diceva, ci sono servizi fondamentali come manutenzione delle scuole, riscaldamento, energia elettrica, acqua, le strade, i trasporti. Senza contare i dipendenti della Provincia e quelli delle società partecipate, che rischiano di rimanere senza stipendio.

Nei giorni scorsi c’è stata la protesta dei lavoratori, a livello nazionale e locale. «Continuiamo con la sensibilizzazione del governo centrale - insiste Gabellone - Sentiamo sempre più il peso di questa situazione. A distanza di due anni non ci sono stati interventi correttivi tali almeno per le emergenze. Siamo giunti ad un punto drammatico, non riusciamo a trovare soluzioni. Per questo ci attendiamo provvedimenti urgentissimi dal Governo ed un cambio di rotta della Regione».

Intanto, i deputati Francesco Bruni e Roberto Marti fanno sapere che «Direzione Italia in Parlamento farà sentire le sue ragioni per sostenere l’iniziativa dell’Upi regionale e della Provincia di Lecce. In sede di redazione della legge di stabilità 2018, Parlamento e Governo tengano conto della gravissima situazione finanziaria in cui versano le amministrazioni provinciali».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione