Cerca

Giovedì 19 Ottobre 2017 | 00:18

Dalla Polizia a Lecce

Truffa ai compro oro
denunciati due tarantini

Hanno tentato di bidonare alcune commercianti rifilando metallo prezioso contraffatto

Una banda dedita alla truffa nei confronti dei compro oro è stata smascherata dalla Polizia a Lecce che ha denunciato due tarantini. Tutto è iniziato a metà maggio scorso (il 16 maggio) quando una pattuglia della Volante interveniva presso un negozio dove una dipendente aveva segnalato la presenza di un uomo che cercava di vendere una ingente quantità, circa 40 grammi per un importo di circa € 1000,00, di oggetti in falso oro.

L’uomo presentava per la vendita un paio di orecchini grandi rigati, una collana con tubicini lisci e martellati, un bracciale con ovali irregolari rigati. Tutti gli oggetti erano muniti di un punzone d’oro ben visibile, ganci e inserti in oro di tale perfetta fattura da poter eludere un controllo ordinario al momento della vendita.

A carico dell’individuo, in un primo momento, non si procedeva in quanto la titolare non intendeva sporgere denuncia, tuttavia, la persona in questione veniva identificata.

Il giorno dopo, un’altra volante interveniva presso un’analoga attività di compro oro per una segnalazione di truffa attuata con le stesse modalità di quella precedentemente descritta. In questa circostanza venivano indagati in stato di libertà per tentata truffa due uomini di 46 e 30 anni ed una donna di 30 anni, tutti di Taranto.

Il titolare di quest’ultimo esercizio formalizzava denuncia querela nei loro confronti specificando che tutti e tre portavano in vendita oggetti della medesima fattura, opponendosi al taglio degli oggetti da parte di personale dipendente dell’attività commerciale per ulteriore approfondita verifica e inducendo, in tal modo, in errore la preposta all’acquisto. Il titolare, inoltre, consegnava le immagini estrapolate dal sistema di videosorveglianza.

Il successivo 24 maggio, la polizia acquisiva le immagini relative ad un’altra tentata truffa e dai fotogrammi si riconosceva uno dei tre tarantini precedentemente denunciati . Lo stesso titolare, a specifica richiesta degli investigatori, riconosceva anche la donna che, presentatasi da sola il giorno 15 maggio, aveva tentato di vendere dell’oro contraffatto.

La stessa mattina del 24 maggio un altro titolare di compro oro formalizzava in questi Uffici denuncia querela a carico di due dei tre tarantini, in particolare della donna e del 30enne per i reati rispettivamente di truffa e tentata truffa e mostrava in sede di denuncia gli oggetti utilizzati dalla donna per la truffa, da lui incautamente acquistati.

Dall’osservazione degli oggetti e delle immagini a disposizione si poteva costatare che il bracciale portato in vendita dalla ragazza alle ore 11,00 del 15 maggio è identico per caratteristiche di contraffazione e per aspetto a quello portato in vendita dall’altro complice alle ore 18,30 del 16 maggio , nonché identico a quello portato in vendita ore 18,00 dello stesso 16 maggio.

La collana contraffatta sequestrata il 17 maggio è simile a quella venduta il 16 maggio. Dal modus operandi della banda si deduce che i tre avessero girato più volte tra i compro oro con gli stessi oggetti cercando di indurre in errore i titolari e qualche volta riuscendoci.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione