Cerca

Giovedì 14 Dicembre 2017 | 11:04

lecce

Pasqua, nella città d'arte
è «boom» di stranieri

Da oggi via alle visite in ascensore sulla facciata di Santa Croce

Pasqua, nella città d'arte è «boom» di stranieri

di Emanuela Tommasi

Il centro storico brulica di visitatori già da qualche giorno. Ma, in particolare, sono gli stranieri i più numerosi. Circolano nelle stradine, si affacciano nelle botteghe, entrano in chiesa. Qualcuno ha chiesto pure di confessarsi. «Lo ha fatto una turista francese» ha detto proprio l’arcivescovo Domenico D’Ambrosio nella conferenza di presentazione dell’inizio dei restauri di santa Croce. «In questi giorni cammino nel centro - ha aggiunto - e sento solo parlare in inglese, in tedesco, in francese. È il segnale positivo della presenza dei turisti».

Oggi cominciano le visite guidate alla facciata della Basilica con l’ascensore, l’iniziativa inedita e straordinaria che consente di vedere da vicino gli emozionanti fregi barocchi (visite gratuite, previa prenotazione).

Ma visitatori e leccesi hanno cominciato a frequentare pure le marine. Ieri sono state prese d’assalto le spiagge sia sul litorale adriatico sia lungo lo Jonio. «C’è una gran voglia di mare - dice Vito Vergine, segretario provinciale Sib Confcommercio - Per fortuna, i visitatori, in questi giorni, hanno potuto trovare gli arenili puliti, dopo le nostre richieste insistenti alle istituzioni competenti». Per quanto riguarda l’attività degli stabilimenti, Vergine fa sapere che una parte - almeno per quanto riguarda i suoi associati - aprirà in questi giorni, gli altri entro la prima metà di maggio. Ma ci sono già molte prenotazioni per la stagione estiva. «Il 90 per cento proviene da italiani residenti nelle regioni del Centro-Nord ma pure dalla Campania - fa sapere Vergine - Gli altri sono stranieri, i quali, intelligentemente, prediligono la bassa stagione».

Passeggiate in spiaggia, ieri, dunque, da Porto Cesare ad Otranto, da Gallipoli e San Cataldo. «Abbiamo avuto tante famiglie - dice Mauro Della Valle, presidente provinciale di Federbalneari - e molte prenotazioni sia per la domenica di Pasqua sia per il lunedì. Noi abbiamo già organizzato la “Bau pasquetta”, per chi non vuole separarsi dagli amici a quattro zampe anche nei giorni di festa». Della Valle conferma che, tra i suoi associati, a parte le iniziative pasquali alle quali procederanno praticamente tutti, dal ponte del 25 aprile sarà operativo circa il 50 per cento dei Lidi. Gli altri programmano l’apertura per il 1° maggio.

Intanto, oggi comincia la settimana santa. Oltre ai tradizionali riti religiosi, in molte chiese sono previsti concerti e visite speciali.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione