Cerca

Venerdì 25 Maggio 2018 | 07:26

Palazzo Carafa

«Nel centrodestra c'è
chi gioca per spaccare»

Perrone: «Ho ereditato un Comune fallito e spesso ho pensato di gettare la spugna»

«Nel centrodestra c'è chi gioca per spaccare»

di Fabio Casilli

LECCE - Prima dei sorrisi e del brindisi, l’ultimo da sindaco, nel tradizionale scambio di auguri di fine anno con i giornalisti, la stoccata di Paolo Perrone: «Non tutti, nel centrodestra, stanno giocando la partita per una coalizione unita e per la vittoria».

Una partita, quella delle Comunali della prossima primavera, che vedrà Perrone candidato per un seggio da semplice consigliere. Ancora non si sa con quale lista. Ma ha smentito di aspirare ad un posto da futuro assessore. Forse i 19 anni da amministratore (i primi 9 proprio da assessore di Adriana Poli Bortone, i secondi 10 da primo cittadino) a Perrone sono bastati.

La conferenza stampa di ieri mattina, nella sala Giunta di palazzo Carafa, è stata l’occasione per fare un sommario bilancio del passato e per preannunciare le sue intenzioni future. Con qualche frecciatina, appunto. «A chi mi riferisco? A Forza Italia - ha risposto il sindaco uscente - O meglio a parte di Forza Italia. Sarebbe assurdo che, solo per spirito di rivalsa, il simbolo di Forza Italia possa restare fuori dal centrodestra. Se accadrà, gli elettori comprenderanno il perché».

Nessun nome, ma in quel riferimento più di qualcuno ci ha visto l’ennesimo conflitto con la senatrice Poli. Anche perché lo stesso Perrone ha ribadito di aver «ereditato» da lei un “Comune tecnicamente fallito”. «Se tornassi indietro e mi rivedessi nella tensione che vivevo il giorno in cui diventai sindaco, alle montagne straordinarie da scalare - ha ricordato - sicuramente non ci sarebbe stato da scommettere un euro sui risultati ottenuti oggi. Il Comune di Lecce era tecnicamente fallito. E più volte fui sul punto di gettare la spugna e di dire: “Non ce la posso fare”. Però ci siamo messi a lavorare e lo abbiamo fatto con una sola stella polare: il bene dei cittadini. Abbiamo dovuto attraversare la peggior congiuntura economica che ha coinvolto il nostro Paese dal Dopoguerra».

La città, però, ha deciso di puntare su turismo, servizi e nuove tecnologie, come settori trainanti della sua economia. «Chi mi sostituirà alla guida di palazzo Carafa si troverà già risolta la questione dell'esistenza o meno di questo Ente. Cosa che io non avevo con le questioni Boc, via Brenta, Leadri, Lupiae, filobus irrisolte - ha aggiunto Perrone - Il prossimo sindaco, invece, troverà una situazione economico-finanziaria in equilibrio ed un parco progetti che, se la Regione farà partire i bandi della nuova programmazione, ci permetteranno di dire la nostra. Siamo pronti in tutti i settori. Abbiamo il cassetto pieno di progetti. Speriamo che le procedure valorizzino non chi è amico di questo ministro o quell’assessore regionale, ma chi è più bravo, perché su questo piano possiamo confrontarci con chiunque».

Infine, un riferimento alle candidature: «Confido che si possa arrivare ad un nome condiviso da tutti. In caso contrario, facciamo scegliere ai nostri elettori».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

pub Molly Malone a lecce

Tenta di appiccare il fuoco a pub a Lecce: arrestato

 
rifiuti roma

I rifiuti di Roma saranno portati nel Salento e a Foggia

 
Crolla solaio all'ufficio vaccinazioni dell'Asl Lecce

Crolla solaio all'ufficio vaccinazioni dell'Asl Lecce

 
Lecce, crolla un solaioall'ufficio vaccinazioni

Lecce, crolla un solaio
all'ufficio vaccinazioni

 
Racale, villa abusiva con piscinacostruita in zona vincolata

Racale, villa abusiva con piscina costruita in zona vincolata

 
Lecce, nigeriano rapinabici ad anziano 75enne

Lecce, nigeriano rapina
bici ad anziano 75enne

 
Con l'auto travolge un ciclista e poi lo prende a bastonate

Con l'auto travolge un ciclista e poi lo prende a bastonate

 

MEDIAGALLERY

Foggia, rapinatori assaltano farmacia: sequestrati i dipendenti

Foggia, rapinatori assaltano farmacia: sequestrati i dipendenti

 
Melfi-Potenza, tragico scontro tra auto e un camion: un morto

Melfi-Potenza, tragico scontro tra auto e un camion: un morto

 
Blitz a Taranto contro gang di narco rapinatori: «Te lo vuoi fare il dottore?»

Blitz a Taranto, le intercettazioni: «Te lo vuoi fare il dottore?»

 
Rapinatori cantanti incastratida un video su You Tube

Rapinatori cantanti incastrati
da un video su You Tube

 
Emergenza cinghiali a Bari22 catturati e trasferiti in riserva

Emergenza cinghiali a Bari
22 catturati e trasferiti in riserva

 
Restart, così i piatti del futuro di Ladisa  a Bari

Restart, così i piatti del futuro di Ladisa a Bari

 
In due madre e figlio tentarono di uccidere un medico a Foggia: il mandante era il fratello della vittima

In due madre e figlio tentarono di uccidere un medico a Foggia: il mandante era il fratello della vittima

 
Cinque spacciatori fermati a Bari, agivano vicino l'Ateneo

Cinque spacciatori fermati a Bari, agivano vicino l'Ateneo

 
Molestie su minorenni, polizia arresta 51enne

Molestie su ragazzine, polizia arresta 51enne VIDEO

 

LAGAZZETTA.TV

Economia TV
L'idroscalo di Milano si rifa' il look, stop ad alghe e cura del verde

L'idroscalo di Milano si rifa' il look, stop ad alghe e cura del verde

 
Italia TV
In Italia 118mila persone con sclerosi multipla

In Italia 118mila persone con sclerosi multipla

 
Notiziari TV
Ansatg delle ore 21

Ansatg delle ore 21

 
Mondo TV
Trump ha scritto a Kim per cancellare il vertice

Trump ha scritto a Kim per cancellare il vertice

 
Sport TV
Vittoria Trump, basta giocatori in ginocchio a inno

Vittoria Trump, basta giocatori in ginocchio a inno

 
Meteo TV
Previsioni meteo del weekend

Previsioni meteo del weekend

 
Spettacolo TV
I sogni che nascono in Armenia

I sogni che nascono in Armenia

 
Calcio TV
Finito incontro, Ancelotti lascia sede Filmauro

Finito incontro, Ancelotti lascia sede Filmauro