Cerca

episodio avvenuto a Patù

Molestie a studentessa
Condannato un bidello

Molestie a studentessa?  Condannato un bidello

PATU' - Un presunto bidello pedofilo condannato per abusi sessuali su una studentessa di scuola media.

Quattro anni di reclusione (a fronte dei 4 e mezzo invocati dal pubblico ministero Giovanni Gagliotta) sono stati inflitti a G.M., 63enne di Patù, nel processo che si è celebrato con il rito abbreviato davanti al gup Vincenzo Brancato.

La vittima è una ragazzina di terza media. Le presunte molestie risalgono al 5 ottobre del 2015. G.M. avrebbe avvicinato la studentessa nel bagno nel corso dell’ultima ora di lezione.

Il collaboratore scolastico avrebbe sorpreso la ragazzina alle spalle per poi palpeggiarle il seno. La studentessa rientrò in classe e raccontò i presunti abusi ad una maestra. Una segnalazione venne immediatamente inoltrata al preside che avviò un’istruttoria interna per accertare i fatti.

Il giorno successivo i genitori presentarono denuncia presso la stazione dei carabinieri del posto. Il pubblico ministero Stefania Mininni aprì un fascicolo d’indagine culminato con la richiesta di rinvio a giudizio dell’operatore scolastico.

Nel corso delle indagini la persona lesa è stata sentita da un equipe di psicologi che ha accertato l’attendibilità delle sue dichiarazioni. La giovane, dopo questo episodio, ha cambiato istituto. L’imputato era assistito dall’avvocato Giancarlo Zompì. I genitori della ragazzina, invece, si erano costituiti parte civile con l’avvocato Salvatore Bruno, che aveva invocato una richiesta risarcitoria di 100mila euro. Il risarcimento dei danni verrà quantificato in separata sede. Il deposito delle motivazioni è previsto per i prossimi 60 giorni.

f.oli.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400