Cerca

A Taviano

Maltratta e picchia i familiari
arresto bis per un marocchino

Condannato, scarcerato è finito di nuovo in cella: ha ignorato l'ordine del giudice di stare lontano da casa

Maltratta e picchia i familiariarresto bis per un marocchino

I militari della stazione di Taviano, nel Leccese, hanno rintracciatto e arrestato un cittadino marocchino di 20 anni, Zakaria kadim, nei cui confronti pendeva un’ordinanza di sostituzione della misura dell’allontanamento dalla casa familiare con quella della custodia cautelare in carcere. Il ragazzo, già noto alle cronache, era stato denunciato dai propri familiari per aver tenuto in diverse occasioni un comportamento violento e minaccioso e per tale motivo il gip di Lecce, lo scorso 17 ottobre, aveva emesso un’ordinanza che disponeva l’allontanamento dalla casa familiare.

Nonostante il divieto, il 5 novembre Zakaria tornava alla propria abitazione e con un pretesto schiaffefggiava il fratello minore. Nell’occasione interveniva il padre che per allontanarlo da casa veniva anch’esso strattonato. Il giorno seguente il 20enne violento, incurante del divieto tornava nuovamente a casa ma una chiamata alle forze dell’ordine permetteva di evitare ulteriori conseguenze. Il ragazzo infatti veniva arrestato per violazione di domicilio aggravata e rinchiuso in carcere. Due giorni dopo veniva condannato a 6 mesi (con la sospensione condizionale della pena) e rimesso in libertà.

L’arresto di oggi scaturisce dai fatti del 5 novembre e soprattutto a causa dei numerosi episodi di percosse, minacce, richiesta di denaro ai genitori, anche alla presenza dei suoi due fratelli minori unita all’esigenza di frenare gli impulsi antisociali del 20enne che in più occasioni violava il provvedimento cautelare.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400