Cerca

Inchiesta per appalti milionari

Soldi, cene ed escort
nei guai ex politico leccese

Pierpaolo Tondo, dirigente del Ministero per lo sviluppo economico, coinvolto nell'indagine sulle opere milanesi

Soldi, cene ed escortnei guai ex politico leccese

otranto - E' stato un ex assessore del comune di Otranto Pierpaolo Tondo, componente Uver (Unità di verifica degli investimenti pubblici) presso il Ministero dello Sviluppo Economico finito alla ribalta delle cronache nazionali per essere indagato nell'ambito dell'inchiesta milanese sui subappalti milionari delle grandi opere.
Il nome del funzionario salentino, in passato direttore amministrativo presso il Ministero della Giustizia e direttore tributario all’Agenzia delle Entrate di Milano, compare, solo come indagato, nell'ordinanza di custodia cautelare chiesta e ottenuta dal procuratore aggiunto della Dda Ilda Boccassini nei confronti di 14 persone. Tondo, che risponde dell'accusa di millantato credito, avrebbe ricevuto dall’imprenditore Venturino Austoni, uno dei 14 arrestati, «somme di denaro in contanti» e «viaggi gratuiti» a Milano «comprensivi di cene, albergo ed escort per prestazioni sessuali a pagamento». Stando alle indagini del Nucleo di polizia tributaria della Guardia di finanza di Milano, l’ex assessore avrebbe ricevuto «denaro e altre utilità» per «la propria attività di millantata pressione verso i funzionari dell’Agenzia delle Entrate di Milano e Roma», come emergerebbe anche da alcune intercettazioni dell’aprile del 2015. Nell’ordinanza il gip fa riferimento all’incontro fra Tondo ed una escort di nome Jessica, avvenuto il 23 luglio 2015 in un hotel milanese: la donna sarebbe stata pagata 500 euro. «Il giorno successivo per tale prestazione/regalo - si legge - Tondo ringraziava Austoni».
Stando all’imputazione, Alessandro Raineri, presunto faccendiere «in contatto permanente» con gli imprenditori Pierino Zanga e Austoni, arrestati come lo stesso Raineri, dall’ottobre del 2014 e fino al febbraio del 2016 «in concorso» con Tondo, «che in talune situazioni - scrive il gip - supporta e rafforza l’attività» di Raineri, avrebbe millantato «una capacità di influenza presso personaggi altamente qualificati delle Istituzioni con cui egli è realmente in contatto».
L’inchiesta della Procura milanese ruota attorno all'acquisizione di sub-appalti di opere pubbliche in Lombardia. Tra le commesse anche quella relativa alla linea ferroviaria che collega il terminal 1 al terminal 2 di Malpensa. Stando alle indagini la presunta associazione per delinquere sarebbe stata composta da vari imprenditori "avvalendosi di diverse società operanti nel settore dell'edilizia", anche intestate a prestanome e apparentemente prive di legami tra loro.
Compagno di università di Angelino Alfano, come lui laureato in legge, Vice presidente del club Unesco di Otranto, è conosciuto ad Otranto come persona al di sopra di ogni sospetto. Era assessore alla Cultura nella giunta Bruni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400