Martedì 14 Agosto 2018 | 08:29

Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

In una scuola di Poggiardo

Bimbi con pruriti e bruciori
intossicati dopo disinfestazione

Bimbi con pruriti e bruciori  intossicati dopo la disinfestazione

di Salvatore Ciriolo

Poggiardo - Decine di bambini colti da prurito e bruciore al volto in seguito alla disinfestazione della scuola elementare. E il sindaco, precauzionalmente, questa mattina la lascerà chiusa. È accaduto ieri, quando numerosi alunni, tornati a casa al termine delle lezioni, hanno cominciato a grattarsi il viso e, in particolar modo, ad avere fastidi agli occhi ed alla bocca. «Mio figlio - racconta il genitore di un alunno della prima elementare - quand’è tornato a casa ha lamentato una forte irritazione agli occhi. Consultato il pediatra, gli abbiamo somministrato un antistaminico. A mio nipote, il quale frequenta la stessa scuola - prosegue - è capitato, invece, di accusare un forte bruciore alla lingua».

«La maggior parte dei bambini della scuola elementare ha avuto problemi, come ad esempio il prurito agli occhi», aggiunge la madre di un’altra bambina. Numerose le testimonianze dei genitori riguardanti sempre fenomeni di irritazione della pelle – in qualche caso sono state rilevate delle macchie rosse sul viso – tanto che alcuni genitori si sono rivolti al punto di primo soccorso di Poggiardo, dove comunque hanno ricevuto rassicurazioni. Lavoro straordinario anche per i pediatri del posto, oltretutto. «Si è trattato di tanti piccoli fenomeni di irritazione - ha dichiarato Luigi Risolo, pediatra di Poggiardo - e non credo che debbano esserci pericoli, anche perché in alcuni casi l’irritazione si è risolta nel giro di poco tempo».

Ma che cosa ha scatenato questa forma di irritazione collettiva che ha coinvolto anche gli alunni delle classi della scuola materna presenti nello stesso plesso di via De Gasperi? Sotto «accusa» ci sono soprattutto i prodotti utilizzati per la disinfestazione da blatte e gechi effettuata sabato scorso, e quelli inerenti la pulizia delle aule di lunedì scorso. Proprio per cercare di individuare le cause del disagio, nello stesso pomeriggio di ieri, nel plesso scolastico si è svolto un incontro tra il sindaco di Poggiardo Giuseppe Colafati, gli assessori alla Sanità Massima Gravante ed alla Pubblica istruzione Marta Greco, il responsabile della ditta di disinfestazione e gli insegnati, alcuni dei quali a loro volta hanno lamentato qualche prurito ed hanno raccontato il disagio vissuto dagli alunni nella mattinata. Ora si lavora per evitare che in futuro possa ripetersi un disagio analogo, nel frattempo, a titolo precauzionale, il sindaco ha ordinato la chiusura della scuola per la giornata odierna.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

pistola

Il cugino non gli restituisce le canne da pesca e lui lo spara: un arresto a Leverano

 
Litiga con il vicino e spara contro la sua abitazione: fermato

Litiga con il vicino e spara contro la sua abitazione: fermato

 
A Santa Caterina, Nardò

Nardò, «Basta messa ad alto volume». La protesta: così perderemo la fede

 
Coppa Italia, sonora sconfitta per il Lecce: vince il Genoa 4-0

Coppa Italia, sonora sconfitta per il Lecce: vince il Genoa 4-0

 
Torre dell'Orso, ragazzina denuncia«Violentata da due extracomunitari»

Lecce, violenza su una 14enne: denunciato 21 enne del Gambia. Tateo (Lega): castrazione chimica

 
Lecce, 2mila piante di marijuanain masseria: fermata una persona

Lecce, 2mila piante di marijuana in masseria: fermata una persona Vd

 

GDM.TV

Commemorazione fratelli Luciani, il video

Mafia, a un anno dalla tragedia la cerimonia a San Marco in Lamis

 
Brindisi, l'aereo-forno di RyanairMalori a bordo. «Bloccati sulla pista»

Brindisi, l'aereo-forno di Ryanair
Malori a bordo. «Bloccati sulla pista»

 
Prof. Gesualdo: «Primo trapianto al mondo a partire da donatore cadavere»

Trapianto di rene a catena a Bari. Gesualdo: «Ecco il primo caso al mondo»

 
La masseria che faceva affari con 2mila piante droga a Lecce

La masseria che faceva affari con 2mila piante droga a Lecce

 
A Vieste la leggenda di Cristalda e Pizzomunno si trasforma in street art

A Vieste la leggenda di Cristalda e Pizzomunno si trasforma in street art

 
Tutti pazzi per il parco acquatico gonfiabile: inaugurato il Crazy Park

Tutti pazzi per il primo parco acquatico gonfiabile di Bari: ecco il Crazy Park

1commento

 
Salvini a Lesina: «Dedico questa piazza a tutti quelli che non hanno capito che la musica è cambiata»

Salvini: «Dedico questa piazza a tutti quelli che non hanno capito che la musica è cambiata» Vd

 
Cerignola, fa la rapina in market:ma in coda c'è un carabiniere: preso

Cerignola, fa la rapina in market: in coda c'è un carabiniere: preso Vd

 

PHOTONEWS