Cerca

Un 39enne di Corigliano

Palpeggia una prostituta
e finisce in manette

Arrestato con le accuse di violenza sessuale e violazione di domicilio

Palpeggia una prostituta e finisce in manette

LECCE - Pretende un rapporto sessuale senza pagare. E alle resistenze della prostituta palpeggia la donna, tenta di sfondare la porta d’ingresso. Infine, minaccia i presenti di sparare. Nella notte tra lunedì e martedì è così finito in manette Antonio Spano, 39enne di Corigliano d’Otranto. L’uomo risponde di violenza sessuale e violazione di domicilio ed è stato accompagnato in carcere. La vicenda si è consumata a Lecce nelle immediate vicinanze di viale Grassi.

Spano aveva contattato su un sito specializzato in incontri a luci rosse una prostituta di nazionalità colombiana. In breve l’uomo ha organizzato un appuntamento concordato con la lucciola. E si è così presentato in casa della donna, che vive da sola. Una volta all’interno, è successo il finimondo. Spano ha preteso di consumare un rapporto sessuale senza pagare. La donna si è rifiutata e, nonostante l’opposizione della prostituta, il salentino l’ha comunque palpeggiata nelle parti intime. La donna colombiana è riuscita comunque a divincolarsi e ad allertare i soccorsi. In casa sono così arrivati due amici connazionali, che hanno ingaggiato una colluttazione con Spano. L’uomo si è così allontanato, senza però arrendersi. È tornato in macchina, ha recuperato una zappa e ha cercato di rientrare in casa della donna, sfondando la porta d’ingresso. Poi ha minacciato i presenti di sparare alcuni colpi di pistola.

Nel frattempo sono intervenuti i falchi del Norm della Compagnia di Lecce. I militari hanno bloccato l’uomo, riportando una certa serenità in casa. Così, su disposizione del pubblico ministero di turno Roberta Licci, Spano è stato accompagnato in carcere. Nelle prossime ore comparirà davanti al gip per l’udienza di convalida.

F.Oli.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400