Cerca

Colpo a Copertino

Ladri in ospedale, rubato
apparecchio da 60mila euro
rubato

Portato via un ecoendoscopio dall'ambulatorio di Chirurgia. Indagano i Carabinieri

ospedale copertino

COPERTINO - Ladri in ospedale. È stato rubato un apparecchio diagnostico che vale 60mila euro. Un furto così si commette solo su commissione, solo quando il ladro sa già a chi piazzare la refurtiva.
Anche se non sarà semplice piazzare sul mercato l’Ecoendoscopio Olympus trafugato dal reparto di Gastroscopia dell’ospedale di Copertino. La ragione è presto detta: l’apparecchio ha un numero di serie che deve essere compatibile con la cosiddetta “colonna”, una centralina che riceve gli input trasmesse dall’ecoendoscopio la cui estremità è dotata di una speciale sonda ecografica ad alta frequenza e a scansione radiale che rimanda su un monitor le immagini riprese sugli organi interni , pancreas in particolare.
Il furto è avvenuto nella notte fra venerdì e sabato. Ma è stato scoperto solo sabato mattina. L’autore del furto si è introdotto nell’ambulatorio di Chirurgia generale, esterno al reparto e, dopo aver forzato la porta di ingresso, ha aperto anche l’armadietto metallico in cui era riposto l’ecoendoscopio. Avrebbe potuto portare via anche altri apparecchi simili. Ma ha rubato solo un ecoendoscopio.
Nel reparto di gastroscopia operano almeno sei medici e quattro infermieri. Al termine di ogni esame l’ecoendoscopio viene opportunamente lavato e sterilizzato per un esame successivo. Alla fine degli esami l’operazione viene replicata e l’apparecchio, poi, viene lasciato ad asciugare prima di essere posizionato in una speciale valigetta conformata (tipo una 24 ore), nella quale viene alloggiato lo strumento e conservato in un apposito armadio del reparto. Chi ha trafugato la valigetta contenente l’ecoendoscopio non avrebbe avuto particolari difficoltà dal momento che di sera, dopo una certa ora, entrare in ospedale e dirigersi verso l’obiettivo è agevole. Altrettanto facile è uscirne senza nemmeno dare nell’occhio.
Ora indagano i carabinieri della Tenenza di Copertino, diretti dal luogotenente Salvatore Giannuzzi. Gli investigatori della sezione rilievi scientifici del Reparto operativo del comando provinciale hanno eseguito dei rilievi allo scopo di accertare l’eventuale presenza di tracce e di impronte digitali.
Saranno visionate anche le immagini filmate dagli impianti di videosorveglianza che si trovano nella zona dell’ospedale. Vicino all’ambulatorio dove è avvenuto il furto non ci sono telecamere.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400