Cerca

Notte della Taranta premiata l’app

Notte della Taranta premiata l’app
LECCE - L’app ufficiale della «Notte della Taranta» si aggiudica il premio «Smart communities» allo Smau di Napoli, appuntamento di riferimento per chi lavora nei settori dell’innovazione e del digitale. La cerimonia di consegna del riconoscimento è avvenuta venerdì nel padiglione 6 della «Mostra Oltremare », nel capoluogo campano. Il progetto «Folkture», da cui prende il nome l’app vincitrice, è stato finanziato dal Ministero dell’Istruzione e realizzato da un team interdisciplinare di giovani professionisti provenienti dagli spin-off pugliesi «Apphia» e «Eka», dall’Univesità del Salento e dall’azienda siciliana «DemetriX».

L’applicazione, disponibile gratuitamente per Android e iOS, è dotata di numerose funzionalità dirette a chiunque voglia vivere il Salento in modo nuovo e partecipativo, dimostrae non solo d’estate. Per i turisti rappresenta una guida interattiva utile per esplorare e conoscere le realtà storico-artistiche dei territori interessati dal festival della «Notte della Taranta», per i residenti costituisce una community nella quale condividere i momenti più belli del tour. Chi scarica l’app sul proprio dispositivo può usufruire di una mappa interattiva dei punti di interesse, esplorare il territorio grazie alla «realtà aumentata», contribuire allo sviluppo di guide di viaggio personalizzate, ricevere informazioni sulla mobilità pubblica e interagire con gli altri utenti.

Realizzata nel 2014, l’app è stata inaugurata per l’edizione 2015 della «Notte della Taranta » e ha riscontrato un grande successo di pubblico. Grazie alle tante condivisioni, l’esperienza tradizionale della partecipazione alle tappe della manifestazione è diventata collettiva. All’interno del progetto «Folkture» è stato realizzato anche un gioco in «realtà aumentata» basato sul tradizionale tema del «pizzico» della taranta. Gli utenti hanno potuto interagire tra di loro, condividendo saperi e apprendendo i variegati aspetti folkloristici del territorio.

Gli utenti più attivi sono stati premiato con i pass per l’accesso al backstage del concertone finale di Melpignano. «Il premio “Smart communities” - afferma Marco Cataldo, amministratore dello spinoff “Apphia” e capofila del progetto - è la dimostrazione che nel profondo sud d’Italia si fa tanta innovazione tecnologica e sociale. Un premio che dedichiamo ai tanti giovani che hanno deciso di restare in questo territorio per farlo crescere senza mai dimenticare di tutelarlo. Tanti giovani ingegneri hanno avuto la possibilità di lavorare su temi altamente innovativi restando nella propria terra».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400