Mercoledì 15 Agosto 2018 | 09:43

Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

«Sono gay, non mi danno lavoro» Cerca di darsi fuoco a Nardò

«Sono gay, non mi danno lavoro» Cerca di darsi fuoco a Nardò
NARDO' - Non trova più lavoro perché ha un compagno ed è gay. Così tenta di darsi fuoco in Comune. Un uomo di 39 anni, disoccupato e con seri problemi personali dovuti ad una sorta di discriminazione sociale e lavorativa perché omosessuale, si reca in Municipio e si dà fuoco nell’anticamera della segreteria del sindaco.E’ successo a Palazzo Personè: un operaio si è presentato, intorno alle 9 del mattino, ed ha chiesto insistentemente di incontrare il primo cittadino. Il sindaco Marcello Risi, però, aveva l’agenda piena di appuntamenti presi con mesi di anticipo. Non potendo aggiungerne altri, ma comprendendo lo stato di disagio dell’uomo, ha fissato un incontro intorno a mezzogiorno. Il 39enne, però, è tornato molto più esasperato di prima, anche attrezzato con un notevole quantitativo di benzina, con il quale ha cominciato a cospargere il corridoio di ingresso alle stanze del sindaco e della giunta. Inoltre si è versato il liquido infiammabile sull’avambraccio e si è dato fuoco.

Evidentemente si è trattato solo di un gesto dimostrativo ma tale da spaventare tutti i presenti che si sono gettati su di lui per spegnere le fiamme. Senza contare la paura per un incendio nelle stanze del Comune. Il maresciallo dei vigili urbani che presidia le stanze del Municipio si è premurato di togliergli la tanica dalle mani e di farla allontanare.

L’operaio è stato immediatamente fatto accomodare in sala giunta. Lì è stato raggiunto dal sindaco Risi, il quale ha parlato a lungo con l’operaio. Questi ha rivelato di vivere un periodo di grande discriminazione sociale a causa di una sua particolare condizione e che, pur avendo avuto una buona carriera lavorativa come operaio specializzato anche per ditte di Nardò, ora non riesce più a trovare lavoro. Ha più volte ripetuto di non essersi nemmeno reso conto di come è arrivato a questo gesto che avrebbe potuto mettere a repentaglio la sicurezza e anche la vita di se stesso e di altre persone. Ha chiesto scusa a tutti ed è stato rassicurato dagli amministratori presenti che avrebbero preso a cura il suo caso.

A quel punto, l’uomo si è allontanato, ormai rasserenato, senza necessità di ulteriori interventi nè provvedimenti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

La pattuglia si ferma per soccorrere un'auto, ma viene a sua volta investita

La pattuglia si ferma per soccorso, ma viene travolta da auto

 
Festival Notte della Taranta a Lecce, ecco le strade chiuse al traffico

Festival Notte della Taranta a Lecce, ecco le strade chiuse al traffico

 
pistola

Il cugino non gli restituisce le canne da pesca e lui lo spara: un arresto a Leverano

 
Litiga con il vicino e spara contro la sua abitazione: fermato

Litiga con il vicino e spara contro la sua abitazione: fermato

 
A Santa Caterina, Nardò

Nardò, «Basta messa ad alto volume». La protesta: così perderemo la fede

 
Coppa Italia, sonora sconfitta per il Lecce: vince il Genoa 4-0

Coppa Italia, sonora sconfitta per il Lecce: vince il Genoa 4-0

 

GDM.TV

Bari, «scompare» l'aereo rumeno: a rischio le vacanze in Grecia

Bari, sparisce il jet rumeno: addio alle ferie in Grecia

 
Ponte crollato a Genova, le immagini dall'alto

Ponte crollato a Genova, le immagini dall'alto

 
«Oh mio Dio», il terrore in diretta

«Oh Dio, oh Dio!», il terrore in diretta

 
Genova, apocalisse sull'autostrada: crolla un ponte, giù oltre 100 metri. Auto e persone sotto le macerie

Genova, apocalisse sull'autostrada: crolla un ponte, 35 morti e 15 feriti. Quattro estratti vivi
«Oh Dio, oh Dio!»: terrore in diretta | Vd: dall'alto

 
Commemorazione fratelli Luciani, il video

Mafia, a un anno dalla tragedia la cerimonia a San Marco in Lamis

 
Brindisi, l'aereo-forno di RyanairMalori a bordo. «Bloccati sulla pista»

Brindisi, l'aereo-forno di Ryanair
Malori a bordo. «Bloccati sulla pista»

 
Prof. Gesualdo: «Primo trapianto al mondo a partire da donatore cadavere»

Trapianto di rene a catena a Bari. Gesualdo: «Ecco il primo caso al mondo»

 
La masseria che faceva affari con 2mila piante droga a Lecce

La masseria che faceva affari con 2mila piante droga a Lecce

 

PHOTONEWS