Cerca

Venerdì 20 Ottobre 2017 | 21:45

Turismo & sicurezza Ora a Gallipoli si punta a nuove regole

Turismo & sicurezza Ora a Gallipoli si punta a nuove regole
di GIUSEPPE ALBAHARI

GALLIPOLI - Istituire un tavolo tecnico permanente che scriva le regole necessarie per fare crescere il turismo in sicurezza. Ventilata nel corso di un incontro degli imprenditori dell’intrattenimento con il prefetto Claudio Palomba, potrebbe essere questa la via da seguire - potenzialmente propedeutica anche alla costituzione di un «distretto turistico» - per conseguire, tra gli altri obiettivi, visibilità e trasparenza in un settore che è stanco, forse non solo a Gallipoli ma in riva allo Jonio sicuramente più che in altre realtà, di essere indicato come causa di tutti i mali. A farsene portavoce, Roberto Fatano, presidente della neo-costituita Laica-Libera associazione dei professionisti e degli imprenditori del Salento, e Mauro Della Valle, presidente di FederBalneari Salento che nel sodalizio è responsabile delle «politiche dei turismi».
Insieme con loro, all’incontro con il prefetto, fortemente voluto dagli imprenditori, ha partecipato una delegazione dei più importanti locali d’intrattenimento cittadini, dal Parco Gondar allo Smailàs, dal Praja, al RioBo e alle Cave.

«Ci sono imprenditori del settore dotati di grande professionalità che potrebbero portare solo benefici al territorio salentino dalla forte vocazione turistica. Laica intende aiutare a crescere queste imprese «sane» e a tutelarle dai continui attacchi che giungono da ogni parte della società», sostiene Fatano.
E Della Valle aggiunge: «E’ la prima volta che tali imprenditori si confrontano con le istituzioni e ciò nasce da una volontà precisa di fare impresa in maniera solidale e all’inse gna della legalità. Il prefetto ha compreso le nostre problematiche e aspettative e ha assicurato una proficua collaborazione imprese-istituzioni al fine di avere un flusso turistico e u n’attività imprenditoriale improntati alla sicurezza ed evitare ogni possibile fenomeno d’illegalità. Per quanto riguarda la sicurezza, gli imprenditori dell’intrattenimento possono contribuire con un organico di circa 300 vigilantes pronti a collaborare con le forze di polizia».

L'opportunità di tale collaborazione è stata condivisa dal prefetto Palomba. «Le forze dell’ordine - ha anche detto - riceveranno rinforzi per specifici eventi, i primi interventi sono già stati fatti giovedì sera e i controlli tra forze dell’ordine, alle quali va il mio ringraziamento, e polizia locale saranno intensificati anche con unità cinofile per assicurare la massima tranquillità agli ospiti».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione