Mercoledì 15 Agosto 2018 | 12:41

Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

Contributi indebiti da Stato e Ue due arresti per truffa a Lecce

Contributi indebiti da Stato e Ue due arresti per truffa a Lecce
LECCE – Avevano creato un sistema di frode per percepire indebiti contributi all’agricoltura erogati dall’Agea. Per questo – secondo l’accusa – dichiaravano falsamente la disponibilità di terreni di proprietà di enti pubblici e privati che si trovano in Puglia, Basilicata, Emilia Romagna, Lazio, Sicilia, confiscati alla criminalità organizzata ed affidati per scopi di utilità sociale ad associazioni ed enti no profit. E’ quanto hanno scoperto i militari del Nucleo di Polizia Tributaria di Lecce che oggi hanno arrestato due persone ritenute a capo di un gruppo criminale che avrebbe compiuto una truffa da 800mila euro ai danni dello Stato e della Ue. Gli arrestati (ai domiciliari) sono Vincenzo Cagnazzo, agronomo 57enne di Surbo (Lecce), responsabile del "Centro di Assistenza Agricola", e Giovanni Cagnazzo agronomo con studio professionale presso la stessa sede del C.A.A., che avrebbero agito insieme con altre quattro persone.

Tutti i componenti dell’organizzazione erano legati fra loro da vincoli di parentela e – secondo quanto accertato – avrebbero formato centinaia di atti falsi, per lo più autocertificazioni e contratti di comodato d’uso gratuito, attestanti la conduzione di terreni sia di enti pubblici, sia di soggetti privati. I due arrestati ai domiciliari sono accusati di truffa aggravata ai danni dello Stato, falsità materiale ed ideologica commessa sia da pubblico ufficiale che da privato. Il provvedimento della magistratura ha anche portato al sequestro di tre unità immobiliari e tre terreni a Surbo, disponibilità finanziarie riconducibili agli associati per somma pari agli importi indebitamente percepiti. La presunta truffa, protrattasi per circa otto anni, ha permesso di intascare oltre 800 mila euro intercettati dai finanzieri sui conti correnti personali e aziendali degli arrestati. In un caso è emerso che l'associazione aveva richiesto contributi anche su terreni confiscati a noti esponenti della famiglia mafiosa Guarneri di Canicattì (Agrigento) e successivamente assegnati al Comune di Naro (Agrigento) per finalità sociali.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

La pattuglia si ferma per soccorrere un'auto, ma viene a sua volta investita

La pattuglia si ferma per soccorso, ma viene travolta da auto

 
Festival Notte della Taranta a Lecce, ecco le strade chiuse al traffico

Festival Notte della Taranta a Lecce, ecco le strade chiuse al traffico

 
pistola

Il cugino non gli restituisce le canne da pesca e lui lo spara: un arresto a Leverano

 
Litiga con il vicino e spara contro la sua abitazione: fermato

Litiga con il vicino e spara contro la sua abitazione: fermato

 
A Santa Caterina, Nardò

Nardò, «Basta messa ad alto volume». La protesta: così perderemo la fede

 
Coppa Italia, sonora sconfitta per il Lecce: vince il Genoa 4-0

Coppa Italia, sonora sconfitta per il Lecce: vince il Genoa 4-0

 

GDM.TV

Bari, «scompare» l'aereo rumeno: a rischio le vacanze in Grecia

Bari, sparisce il jet rumeno: addio alle ferie in Grecia

 
Ponte crollato a Genova, le immagini dall'alto

Ponte crollato a Genova, le immagini dall'alto

 
«Oh mio Dio», il terrore in diretta

«Oh Dio, oh Dio!», il terrore in diretta

 
Genova, apocalisse sull'autostrada: crolla un ponte, giù oltre 100 metri. Auto e persone sotto le macerie

Genova, apocalisse sull'autostrada: crolla un ponte, 35 morti e 15 feriti. Quattro estratti vivi
«Oh Dio, oh Dio!»: terrore in diretta | Vd: dall'alto

 
Commemorazione fratelli Luciani, il video

Mafia, a un anno dalla tragedia la cerimonia a San Marco in Lamis

 
Brindisi, l'aereo-forno di RyanairMalori a bordo. «Bloccati sulla pista»

Brindisi, l'aereo-forno di Ryanair
Malori a bordo. «Bloccati sulla pista»

 
Prof. Gesualdo: «Primo trapianto al mondo a partire da donatore cadavere»

Trapianto di rene a catena a Bari. Gesualdo: «Ecco il primo caso al mondo»

 
La masseria che faceva affari con 2mila piante droga a Lecce

La masseria che faceva affari con 2mila piante droga a Lecce

 

PHOTONEWS