Cerca

Salento, aumentano percentuali di tumori a rene, tiroide e retto

Salento, aumentano percentuali di tumori a rene, tiroide e retto
LECCE - Emergenza tumori nel Salento. In crescita soprattutto quelli al rene, alla tiroide e al retto. Il preoccupante incremento delle neoplasie è emerso nell’ambito di un confronto che l’associazione «Salute Salento» ha condotto sulla scorta dei dati più recenti conosciuti, relativi al quinquennio 2003-2007. Al primo posto figurano i tumori al rene, che riguardano entrambi i sessi, anche se il più colpito è l’uomo, a carico del quale, nel 2007, si registrano 70 casi in più rispetto ai 60 del periodo precedente (2003-2006), con un incremento del 117 per cento. Anche nella donna i tumori al rene fanno registrare 30 casi in più, rispetto ai 33 della casistica precedente, con un incremento del 91 per cento.

Stesso discorso per il tumore alla tiroide, che colpisce l’uomo con 14 casi in più sui 22 precedenti, con un aumento del 64 per cento. Ma anche la donna con 39 casi in più nel 2007, sui 90 precedenti, con più 43 per cento. Allarmante aumento anche del il tumore al retto, che fa segnare un 45 per cento in più nell’ uomo (37 casi in più rispetto agli 83 degli anni precedenti); e nella donna, con un più 27 per cento (18 in più su 66 precedenti).

E’ da dire che la Asl di Lecce non ha avviato lo screening del colon-retto istituito in quasi tutte le altre regioni. Proseguendo nella casistica, oltre al tumore al polmone, che non ha fatto registrare incrementi, fermandosi ai 455 casi-anno, nel 2007 i maschi sono stati colpiti da tumore maligno alla vescica, con 72 casi in più rispetto ai 64 di media degli altri anni, pari a più 113 per cento. Fortunatamente, i casi femminili sono fermi ai 47 annui. Nell’uomo, gli aumenti che preoccupano di più, registrati nel 2007, sono i tumori delle vie biliari (più 38 per cento); le leucemie (più 31); i tumori del pancreas (più 15) e della prostata (più 8 per cento). Nelle donne salentine si registra un aumento allarmante delle leucemie in tutte le forme, che marcano quasi un raddoppio nel 2007, passando dai 34 ai 65 casi-anno (più 91 per cento).

Motivi di preoccupazione per le donne arrivano anche dai Linfomi non Hodgkin , con 13 casi in più su 56 (aumento del 23 per cento) e dal tumore allo stomaco che segna 11 casi in più su 54 (più 20) e delle vie biliari con (13 per cento). Nel 2007 in provincia si sono registrati 4.378 tumori, 12 al giorno, con un aumento del 2 per cento. Complessivamente, dal 2003 al 2007, sono state registrate 20.292 diagnosi di tumore: 11.500 nell’uomo (in media 2.300 all’anno), e 8.792 nella donna, (1.758 all’anno).

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400