Mercoledì 15 Agosto 2018 | 17:15

Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

Segretario Cei: migrare è dramma non emergenza

Segretario Cei: migrare è dramma non emergenza
LECCE – "L'Unione Europea, purtroppo, continua a girarsi dall’altra parte, continua ancora a trattare  come emergenza caduta nel dimenticatoio, una realtà che non è più emergenza, ma un dramma". Lo ha detto a Lecce il segretario generale della Cei, monsignor Nunzio Galantino, in merito al mancato rafforzamento dell’operazione Triton.

"Se l’Europa e tutto l’Occidente non si impegneranno a dare una lettura diversa, evidentemente Triton o altre forme saranno solo dei pannicelli caldi e continueremo a vedere purtroppo il nostro mare come un cimitero a cielo aperto".
Monsignor Galantino è intervenuto a Lecce ad un incontro di preparazione al Convegno Ecclesiale di Firenze 2015. "Sento – ha aggiunto – che ci sono tra i 500mila e il milione di migranti pronti a partire dalla Libia. Bisogna impegnarsi a creare le condizioni perchè questo fatto venga letto veramente per quello che è, un dramma di uomini e di donne che dove stanno non possono stare perchè è a rischio la loro vita, il loro futuro".

"Penso che sia arrivato il momento in cui da parte di tutti ci debba essere un sussulto anche di orgoglio umano per dire basta con un impegno reale a certe derive che noi stessi occidentali, per certi versi, abbiamo innescato", ha continuato monsignor Galantino rispondendo a una domande sulla strage dei cristiani, gettati in mare durante una lite con musulmani su un gommone carico di migranti che dalla Libia stava raggiungendo le coste siciliane. 

"Non servono – ha aggiunto Galantino - soluzioni radicali, soluzioni conflittuali per questo conflitto, non è questa la strada. Non si risolve la complessità con la semplificazione, e i bombardamenti, le guerre sono delle tristi, terribili semplificazioni".
Secondo il segretario della Cei, "tutte le volte in cui degli uomini, delle donne vengono uccisi è un olocausto in atto, ma quando si perdono vite umane in maniera drammatica e paradossalmente in nome di Dio, la cosa diventa più grave anche sul piano culturale sul piano umano, delle relazioni".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

La pattuglia si ferma per soccorrere un'auto, ma viene a sua volta investita

La pattuglia si ferma per soccorso, ma viene travolta da auto

 
Festival Notte della Taranta a Lecce, ecco le strade chiuse al traffico

Festival Notte della Taranta a Lecce, ecco le strade chiuse al traffico

 
pistola

Il cugino non gli restituisce le canne da pesca e lui lo spara: un arresto a Leverano

 
Litiga con il vicino e spara contro la sua abitazione: fermato

Litiga con il vicino e spara contro la sua abitazione: fermato

 
A Santa Caterina, Nardò

Nardò, «Basta messa ad alto volume». La protesta: così perderemo la fede

 
Coppa Italia, sonora sconfitta per il Lecce: vince il Genoa 4-0

Coppa Italia, sonora sconfitta per il Lecce: vince il Genoa 4-0

 

GDM.TV

Bari, «scompare» l'aereo rumeno: a rischio le vacanze in Grecia

Bari, sparisce il jet rumeno: addio alle ferie in Grecia

 
Ponte crollato a Genova, le immagini dall'alto

Ponte crollato a Genova, le immagini dall'alto

 
«Oh mio Dio», il terrore in diretta

«Oh Dio, oh Dio!», il terrore in diretta

 
Genova, apocalisse sull'autostrada: crolla un ponte, giù oltre 100 metri. Auto e persone sotto le macerie

Genova, apocalisse sull'autostrada: crolla un ponte, 35 morti e 15 feriti. Quattro estratti vivi
«Oh Dio, oh Dio!»: terrore in diretta | Vd: dall'alto

 
Commemorazione fratelli Luciani, il video

Mafia, a un anno dalla tragedia la cerimonia a San Marco in Lamis

 
Brindisi, l'aereo-forno di RyanairMalori a bordo. «Bloccati sulla pista»

Brindisi, l'aereo-forno di Ryanair
Malori a bordo. «Bloccati sulla pista»

 
Prof. Gesualdo: «Primo trapianto al mondo a partire da donatore cadavere»

Trapianto di rene a catena a Bari. Gesualdo: «Ecco il primo caso al mondo»

 
La masseria che faceva affari con 2mila piante droga a Lecce

La masseria che faceva affari con 2mila piante droga a Lecce

 

PHOTONEWS